Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Ctd e slot: raccolta doppiamente non autorizzata

Il legame tra Awp e scommesse risulta vincente anche nei centri trasmissione dati, ma occhio alla legge e alla giurisprudenza

Leggi tutto

Kanit a caccia del milione $ di Punta Cana

Musta e Alessio Agarla al day3 del Caribbean Festival da 5 milioni $

Leggi tutto

Bando pubblico se serve personale esterno

Il presidente della Regione Val d'Aosta Vierin risponde all'interpellanza di Cognetta sul Casinò di Saint Vincent

Leggi tutto

Collegato, Lega Ippica: 'Bozza decreto irrealizzabile'

  • Scritto da Redazione
  • Published in News Ippica

Enrico Tuci di Lega Ippica Italiana commenta la bozza del decreto di attuazione del Collegato agricolo pubblicata da Gioconews.it.

“Riguardo alcune bozze di Decreto di riforma del settore circolanti da alcuni giorni e facendo espressamente riferimento a quanto pubblicato sulla vostra testata il 24 luglio, teniamo a precisare che, per quanto a nostra conoscenza, si tratta uno schema di decreto che riflette una impostazione ostruzionistica uscita dagli uffici del Mipaaf che rovescia completamente la volontà del Parlamento di delegare al Governo una riforma capace di ridare autonomia e libertà di azione alle imprese del comparto.  Il documento partorito nelle stanze del Mipaaf, infatti, lascia nelle mani della casta del Ministero tutte le risorse e le leve vitali per il rilancio del settore”.


Così Enrico Tuci di Lega Ippica Italiana commenta la bozza del decreto di attuazione del Collegato agricolo pubblicata da Gioconews.it.


“Si tratta dell’ennesima difesa dei mandarini di Stato della succulenta rendita di posizione che, ai danni del settore, scialacqua 180 milioni all’anno umiliando e lasciando morire una filiera che conta 10.000 addetti  e 15.000 cavalli. Troviamo vergognoso come quegli uffici, dopo aver fatto melina per un anno, abbiano costruito un decreto falso nelle dichiarate finalità riformatrici, imbottito di strafalcioni giuridici, che mira a lasciare completamente invariata la situazione attuale. Si tratta di un quadro giuridico irrealizzabile e di una impostazione organizzativa grottesca. Come potrebbe il settore rilanciarsi e generare risorse se, esattamente come adesso, tutte le decisioni e le disponibilità finanziarie restano nelle mani incompetenti che in poco più di sei anni lo hanno massacrato dimezzandone addetti, cavalli e scommesse, ovvero la linfa vitale che ne garantiva il sostentamento? Come potrebbe il settore trovare nuove risorse se tutto viene bloccato dall’immobilismo e dal clientelismo esattamente come adesso? Come potremmo superare l’oneroso handicap di un taglio del 20 percento se ancora una volta non si è intervenuti sulle scommesse ne si fa nulla per rilanciarle e se neppure i diritti sulle immagini televisive potranno andare a favore del settore?”, si chiede Tuci.
 

“Questi erano i due capisaldi economici di un piano industriale redatto da alcuni fra i maggiori esperti indipendenti nel settore delle scommesse  ed in quello dell’organizzazione della Pubblica amministrazione e ben noto ai due Ministeri competenti.
Non siamo assolutamente sorpresi che gli uffici del Mipaaf abbiano scientemente prodotto un simile aborto, rientra nella loro precisa e sistematica strategia di non fare la Riforma. E’ però ben più scandaloso che la politica si sia fatta raggirare da questi quattro burocrati di modesto livello e lasci morire nell’inedia un comparto economico ormai allo stremo dove tutti i numeri segnano perdite a due cifre e dove l’assenza di regole permette alla malavita più o meno organizzata di dilagare impunita o, peggio, tollerata. Siamo però ancora fiduciosi che di fronte ad un siffatto eclatante scempio delle proprie valide e sbandierate idee, finalmente intervenga con grande determinazione la politica con la P maiuscola, quella del Parlamento. Quella politica che ha sempre apprezzato e condiviso la nostra proposta, che aveva concretizzato, nero bianco, prima nella Delega Fiscale e poi nel Collegato Agricolo, ma che si è affidata ad una burocrazia famelica che si autoalimenta e si sostiene nei propri assurdi privilegi da casta impunita, che non vuole mollare l’osso.
Una situazione assurda che alcuni parassiti cavalcano incuranti del destino ormai segnato dalle perdite di questi anni per tutte le aziende del settore.”, conclude il rappresentante di Lega Ippica Italiana.
 
Share
Scommesse, Ctd e newslot: la raccolta doppiamente non autorizzata

Scommesse, Ctd e newslot: la raccolta doppiamente non autorizzata

Il legame tra slot e scommesse risulta vincente e altamente strategico per gli operatori: anche nei centri non autorizzati, ma occhio alle leggi e, al solito, alla giurisprudenza.

Prima Pagina

Pautasso: 'Entro 6 mesi Capannelle riconsegnato al Comune di Roma'

Pautasso: 'Entro 6 mesi Capannelle riconsegnato al Comune di Roma'

Elio Pautasso annuncia riconsegna dell'ippodromo Capannelle al Comune di Roma entro 180 giorni, rigettata proroga a Hippogroup ma continuità delle corse anche per il 2018.

Riduzione slot: Adm fissa la data di riferimento al 31 dicembre 2016

Riduzione slot: Adm fissa la data di riferimento al 31 dicembre 2016

Con la nota definitiva di AdM, i concessionari conoscono il numero definitivo dei nulla osta che potranno rimanere attivi su ogni rete: perduti i titoli rilasciati dopo il decreto.

Altre notizie

Home Gioconews: notizie sul mondo del gaming

Home Gioconews: notizie di gioco e sul mondo del gaming

Gioconews è un sito di informazione sui giochi con tante notizie di gioco. Ampio spazio a news di politica e leggi. Le più importanti sentenze di gioco, notizie di politica europea e politica mondiale. Il gioco è spunto di approfondimenti nel sociale e nella politica di prevenzione. Le notizie di gioco toccano vari settori: dall'ambito politico e delle norme, i fatti di politica da Camera e Senato e le tematiche internazionali. Il gioco visto da varie prospettive. Politica e normativa al centro di notizie e approfondimenti.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.