Logo

Napoli, Tar Campania: 'Sala bingo, illecita chiusura per 60 giorni'

Il Tar Campania annulla il provvedimento con cui il Comune di Napoli ha chiuso una sala bingo per 60 giorni per violazione dei limiti orari vigenti.

 

"La violazione delle prescrizioni recate dal Regolamento e dall’ordinanza sindacale in tema di orario di apertura delle sale da gioco, dei quali ha fatto applicazione il provvedimento impugnato, non può integrare automaticamente e senza l’intermediazione di un quid pluris di illiceità comportamentale, un abuso idoneo a legittimare di per sé l’avversata sospensione secondo l’art. 10 del Tulps".


Per questo motivo il Tar Campania ha accolto il ricorso di una sala bingo contro il
Comune di Napoli per aver disposto la sospensione dell'attività per 60 giorni a causa della violazione dei vigenti limiti orari al gioco. La disposizione è stata annullata, dopo la sospensione decisa dallo stesso Tar ai primi di maggio.

 

I giudici inoltre rilevano che "emergono concrete circostanze che, pur non escludendo la sussistenza di violazioni reiterate al limite di orario imposto dal Regolamento comunale, le quali determinano e legittimano l’irrogazione delle previste sanzioni amministrative pecuniarie, risultano, tuttavia, oggettivamente adeguate e conferenti al fine di dimostrare una manifesta sproporzione ed ingiustizia della sanzione applicata, specialmente se si considerano i suoi verosimili gravosi effetti sugli interessi economici dell’impresa ricorrente e delle conseguenti ricadute occupazionali".
 
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.