Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Controlli a Palermo: gioco illegale, sanzioni per oltre 200mila euro

  • Scritto da Redazione

I controlli di Carabinieri e Adm a Palermo portano alla luce diversi esercizi di gioco fuorilegge con sanzioni totali per oltre 200mila euro.



Controlli a tappeto dei Carabinieri del Gruppo di Palermo e del personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli dello Stato in alcune sale da gioco e scommesse del territorio. Diverse le attività irregolari rilevate, dalla raccolta non autorizzata all'utilizzo di apparecchi illegali fino alla presenza di minorenni nei locali, con due denunciati e sanzioni amministrative complessive per oltre 200mila euro.

 


In particolare, secondo quanto si legge in una nota dei Carabnieri, i militari hanno "sottoposto a sequestro preventivo una sala scommesse senza autorizzazione e denunciato il titolare in stato di libertà perché resosi responsabile dei reati di “esercizio abusivo di attività di giuoco o scommessa ed omessa esposizione della tabella dei giochi proibiti” con una sanzione di 16.666,66 euro". Nello stesso locale è stato trovato un apparecchio non collegato alla rete statale, che è costato un'ulteriore multa di 20mila euro.

In un bar, prosegue la nota, "è stata accertata la presenza di un apparecchio a led luminosi rotanti, denominato 'logo gp', non rientrante tra quelli ricompresi per il gioco lecito, sanzionato per 1.333,33 euro" e quindi sequestrato. In un altro è stata rilevata "l'assenza di materiale informativo sul rischio di dipendenza dalla pratica dei giochi con vincita in denaro (sanzione di 50mila euro) e la presenza di un dispositivo, non collegato alla rete statale e che, attraverso la connessione telematica, consente il gioco ai clienti, con vincite in denaro": in questo caso sanzione di 20mila euro e apparecchio sequestrato. Un altro invece è stato multato di 1.032 euro per la violazione dell'articolo 86 del Tulps per avere posto le macchine da gioco fuori dall’esercizio commerciale.
 
Sotto la lente anche i centri scommesse: in uno i Carabinieri hanno "accertato che all’interno del locale non era presente la titolare della licenza né il preposto indicato nell’autorizzazione di Polizia, pertanto è stata effettuata una segnalazione alla Questura per la violazione di tale prescrizione.
Al momento del controllo inoltre, erano presenti tre minori di anni 18, in violazione dell’art. 24 c. 21 e 22 del d.l. 98/2011 convertito in legge n. 111/2011 (norme in materia di gioco), pertanto al titolare dell’attività veniva comminata la sanzione amministrativa di 6.666,67 euro". In un altro un controllo ha portato al deferimento all’Autorità Giudiziaria di un uomo "sorpreso all’interno della propria attività ad esercitare abusivamente l’attività di scommesse mediante l’uso di Pc senza la prevista licenza (art. 88 Tulps).
Contestualmente venivano elevate due sanzioni pecuniarie per un ammontare complessivo pari a 100mila euro per violazione delle misure di prevenzione per contrastare la ludopatia e l’esercizio abusivo dell’attività di scommessa (art. 4 legge 401/1989 e art. 7 D.L. 13.09.2012)", conclude la nota dei Carabinieri.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.