Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Chicago: donna anti-gambling vince 25mila dollari alla lotteria

  • Scritto da Ca

La bizzarra storia della donna anti gioco d'azzardo che vince 25mila dollari alla lotteria di un bar, riscuote la vincita e investe in azioni. 

 

 

Incredibile ma vero. Una vera e propria combattente contro il gioco d'azzardo che ha condotto una "crociata" strenua e senza frontiere per buona parte dei suoi ultimi anni di vita ha vinto ben 25mila dollari giocando ad una lotteria in un bar. E' successo a Chicago e la donna "anti gambling" è Kathy Gilroy. La 68enne ha dichiarato al Tribune che era abbastanza ridicolo il fatto: lei, oppositrice della prima ora contro l'azzardo, che gioca e vince tutti quei soldi. Ma Kathy si è subito difesa: "Non ho speso niente per giocare e ho sfruttato un ticket gratuito. Il gioco può portare alla dipendenza, alla bancarotta, a commettere crimini e al suicidio. Non cambio idea!". Nel passato ha contribuito a chiudere la Queen of Hearts, una lotteria organizzata dai Veterans of Foreign Wars di Morris nell'Illinois che non aveva ancora una licenza adeguata ottenuta solo nel 2017.

Non sarebbe neanche il primo premio vinto dalla donna: ha già ottenuto premi di elettronica, viaggi alle Bahamas e in California e gioca solo con ticket, token e biglietti gratuiti messi a disposizione dalla legge statale.
Non ha perso tempo il comandante dei veterani di Morris, Jerry Zeborowski, che è intervenuto dicendo di essere letterlamente sconcertato: "Ma non è assurdo che qualcuno così anti gambling vinca tutti quei soldi proprio dai giochi che schifa e che attacca giornalmente?". Vagli a dare torto.
A rendere ancora più assurda la situazione è che la Gilroy ha assicurato di averci pensato molto prima di riscuotere i soldi in questione. Poi ha pensato bene di prendersi il malloppo perché a pagare era la società madre di un casinò.
A mettere la ciliegina sulla torta l'amico pastore della donna: "Ho chiamato il mio amico prete pastore che mi ha detto di non sentirmi in colpa. Secondo lui ero stata ripagata in quel momento da Dio per tutto il lavoro di volontariato che avevo fatto contro il gioco d'azzardo".
La donna ha detto anche di aver investito in azioni una parte della vincita (non è anche questo azzardo?) e che non disdegna, di tanto in tanto, qualche lotteria e qualche concorso. Questo, secondo Kathy, non è gioco d'azzardo. Se lo dice lei...

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.