Logo

Una filiera sempre meno "fiera", ma ancora più spremuta

Nella settimana di Enada Roma, il settore torna sotto i riflettori in vista della prossima manovra fiscale. E in attesa del riordino.

 

Mentre nell'immaginario collettivo il gioco pubblico continua ad apparire un comparto assai ricco e profittevole, specie per gli operatori, in realtà l'unico soggetto ad arricchirsi, col gioco, è il suo "azionista di maggioranza". Ovvero: lo Stato. Nonostante, anche qui, si siano diffuse alcune convinzioni - seppure manifestamente infondate - relative alla mancata convenienza, proprio per lo Stato, di mantenere in piedi una rete di gioco legale di fronte a dei presunti costi sanitari che, addirittura, annullerebbero ogni ricavo proveniente dal settore. A portare un po' di chiarezza attorno al dibattito (sempre più aspro) relativo ai giochi è stata tuttavia la pubblicazione di tutti i dati del settore effettuata nelle scorse ore dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che ha fornito un excursus del mercato relativi agli ultimi dieci anni di attività.

Rivelando come il gioco sia un'attività ancora oggi più che redditizia per l'Erario (scongiurando il rischio di una possibile compensazione dovuta ai costi sanitari, visto che i soggetti in cura presso le unità sanitaria risultano essere qualche decina di migliaia e di certo non possono costare circa 11 miliardi l'anno, che corrispondono alle entrate dei giochi) e, forse, per pochi altri, tenendo conto del forte inasprimento della tassazione, su vari segmenti, che rende assai meno conveniente, oggi, operare in questo settore, per via dei margini sempre più ristretti, a fronte di oneri vieppiù crescenti. Specialmente nel comparto degli apparecchi da intrattenimento, dove l'escalation del Prelievo erariale degli ultimi cinque anni, fino all'incredibile picco raggiunto in quello corrente, sta minando alla base la tenuta di molte imprese di gestione, nonostante gli sforzi e gli investimenti compiuti da questi imprenditori nell'ultimo decennio. Ma le cose non vanno tanto meglio neppure ai livelli "più alti", ovvero per i concessionari titolari delle reti, per i quali la contrazione dei ricavi si scontra per giunta con una palese riduzione delle possibilità di concorrenza, dettata dagli ultimi aggiornamenti normativi che hanno dapprima imposto un tetto al numero di apparecchi che è possibile installare nella Penisola (con l'adozione dello strumento del cosiddetto “basket di sistema” dove confluiscono i nulla osta a disposizione della rete”), per poi passare alla riduzione dettata dalla più recente Manovra Bis, di cui si iniziano a registrare i primi effetti – in vista della prima scadenza fissata alla fine dell'anno corrente – e che avrà i maggiori effetti al secondo traguardo del 31 aprile 2018. Senza contare, poi, sia per gli uni che per gli altri, delle ulteriori limitazioni alle possibilità di business imposte dagli Enti locali sui singoli territori, che hanno ridotto fortemente le installazioni di giochi e le aperture di nuove attività, minacciando addirittura l'espulsione totale del settore (legale) a partire dai prossimi mesi, in varie regioni. Con la prima scadenza sul calendario degli operatori fissata al prossimo 20 novembre in Piemonte, quando termineranno le licenze vigenti sul territorio regionale e non potranno essere rinnovate: con situazioni analoghe pronte a ripetersi successivamente in Emilia-Romagna, Puglia e così via. Per uno scenario in cui è sempre più difficile fare impresa e rimanere in piedi, per le attività già esistenti.
Non è quindi un caso se la fiera del settore, che va in scena in questa settimana a Roma (dal 17 al 19 ottobre, nel centro espositivo capitolino), risulta particolarmente contenuta, ristretta e moderata, rispetto a un tempo. Senza essere più accompagnata da quell'entusiasmo tipico delle fiere di qualunque settore produttivo, che da sempre svolgono un ruolo da volano del mercato, portando fiducia alle imprese e garantendo uno slancio agli affari. Com'era sempre avvenuto – seppure con alti e bassi – in occasione delle precedenti edizioni della fiera del gaming. Questa volta, invece, si respira un'altra aria nel settore, e l'atmosfera che introduce questa nuova edizione di Enada è ben'altra. Con l'unico scopo che può cercare di svolgere la kermesse, quello di dare risposte agli addetti ai lavori (su questo, Gioco News prova a metterci del proprio, organizzando un convegno dedicato alla “futura rete del Betting”, in programma martedì 17 alle 15), in un momento di estrema incertezza e di totale stasi del mercato, in attesa di avere certezze dal Legislatore. Tra il riordino del comparto che dovrà fuoriuscire dal Ministero dell'Economia in seguito all'accordo siglato dal governo con gli enti locali in conferenza unificata, attraverso l'attesissimo decreto attuativo previsto per la fine del mese, e il processo di riduzione del parco slot appena avviato dalle imprese a cui si aggiunge, com'era inevitabile, la prossima manovra finanziaria che promette di nuovo di mettere mano alle tasche della filiera. Laddove possibile, evidentemente, visto che i margini, dicevamo prima, sono rimasti davvero pochi.
L'edizione 2017 dell'Enada di Roma è dunque lo specchio di un comparto divorato dal Fisco e reso instabile dall'incertezza normativa che deriva (in parte) dalle battaglie politiche e istituzionali che, in nome di un proibizionismo più o meno dichiarato, ma comunque perseguito, hanno caratterizzato gli ultimi anni del nostro paese, in una Questione Territoriale che deve ancora trovare soluzione e, forse, difficilmente la troverà nel breve termine. Per una vetrina sempre più ristretta, che una parte della filiera vuole comunque continuare ad allestire, per una prova di orgoglio, più che per ragioni di mercato: per far capire che dietro a quel comparto contro cui continua a scagliarsi parte dell'opinione pubblica e politica del nostro paese, esistono imprese, famiglie e lavoratori. Che rivendicano, peraltro, di poter lavorare in modo sostenibile, per sé stessi e per il resto del paese, e non si operare in un mercato senza regole né doveri, come sembra voler far passare qualcuno. Ma a torto.
Anche questa volta la fiera proverà a porre l'accento su questi valori e sui temi di maggiore attualità, per tentare di fermare il declino che sta caratterizzando il comparto del gioco pubblico che, se non verrà arginato, non potrà avere altro effetto che il rilancio dell'illegalità (e, forse, della malavita) nel settore. Ed è giunto il momento che lo capiscano tutti, per evitare di fornire altre occasioni a quelle organizzazione illecite o border line che non aspettano altro che la smantellamento della rete legale per tornare a operare a pieno ritmo, come un tempo.
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.