Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

editoriale

Fermare il declino del gioco pubblico

Non ce ne vorrà il collega Oscar Giannino se ci rifacciamo al suo brand politico per richiamare l'attenzione su un fenomeno di malcostume politico che sta causando il declino del comparto economico e produttivo del gioco pubblico. Basta guardare il trend degli ultimi mesi per capire come i continui rimandi del governo (e in particolare, degli ultimi tre esecutivi che hanno guidato il paese dal 2012 ad oggi) stanno portando alla disfatta il settore. Ma tirandosi dietro, se così sarà, anche il resto del paese in un fallimento politico prima ancora che economico e industriale.

  • Scritto da Alessio Crisantemi

L'ultima occasione per il gioco pubblico

Se la Delega fiscale rappresenta senza dubbio un appuntamento imperdibile per sanare le (tante) anomalie che ruotano attorno al comparto del gioco pubblico, appare altrettanto evidente come tale occasione potrebbe essere l'ultima per intervenire sul sistema.

  • Scritto da Alessio Crisantemi

Ora non ci sono più scuse: il governo parta dalla Delega

E' arrivato il momento della verità per il gioco pubblico. Finalmente, verrebbe da dire. Dopo anni di attese e buoni auspici, ma senza riscontri concreti, è il momento dei fatti. Con l'approvazione definitiva della Delega Fiscale il governo ha ora il compito (e il dovere) di intervenire sulla “materia gioco” con una riforma strutturale e definitiva, mirata, almeno teoricamente, a rendere tale settore davvero sostenibile. Quello cioè che gli addetti ai lavori auspicano da tempo, e che ora dovrebbe diventare realtà. L'articolo 14 della legge delega prevede il riordino totale del comparto del gioco pubblico, ippica compresa, con l'istituzione della Lega Ippica italiana. Non solo.

  • Scritto da Alessio Crisantemi

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.