Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Spagna: studio mette in risalto caratteristiche del Gap

  • Scritto da Sm

Presentata al Consiglio consultivo del gioco responsabile spagnolo l'indagine sulla popolazione clinica con disturbi da Gap.

Presentato al Consiglio consultivo del gioco responsabile spagnolo, lo studio e l'analisi dei fattori di rischio sui disturbi del gioco. Sono stati coinvolti 28 centri di recupero, che hanno contribuito per un totale di 512 partecipanti.  

 

A tal fine, è stato somministrato un questionario ad hoc che comprendeva diverse variabili associate con il rischio di sviluppare problemi legati al gioco d'azzardo. I risultati delle risposte ai questionari sono stati associati con fattori legati al comportamento di gioco in pazienti che hanno problemi di Gap e a variabili legate a patologie più strettamente correlate con la gravità della dipendenza (variabili socio-demografiche, abitudini di gioco, cattive condizioni di salute fisica e mentale, eventi stressanti della vita, distorsioni cognitive e della personalità.

Così, accanto a iniziative come jugarBIEN.es e allo studio sulla prevalenza del gioco d'azzardo, questa ricerca è un altro strumento che viene a sviluppare lo spirito di strategia di gioco responsabile e ha come obiettivo principale l'individuazione dei fattori psicosociali e sociodemografici associati a comportamenti di gioco in diverse aree geografiche della Spagna.

Lo studio e l'analisi dei fattori di rischio per il gioco nella popolazione clinica spagnola è stato coordinata dalla Direzione Generale del gioco e realizzato da un team di professionisti legati al Hospital Bellvitge Università di Barcellona.

 

Il campione comprende per lo più uomini con un'età media di 43 anni, originari della Spagna (meno del 5 percento proviene da altri paesi), sposati con status socio-economico medio-basso o basso. Vivono, per lo più, in quartieri percepiti come sicuro e senza problemi rilevanti legati al crimine o derivanti ​​dall'uso di droghe illegali e con una buona convivenza di vicinato. Quasi il 60 percento dei partecipanti è professionalmente attivo e l'8 percento ha riferito di ricevere aiuti sociali. Per quanto riguarda eventi stressanti, la maggior parte dei partecipanti individuano nella perdita di familiari o amici o nei problemi economici i fattori più comuni.  
Tra i giochi, i più utilizzati sono le slot machine, il bingo, ma anche lotterie e online. 
Per quanto riguarda l'età di insorgenza dei disturbi di dipendenza, variabile cruciale negli studi empirici sui fattori di rischio della dipendenza, nel campione compare una media di quasi 21 anni. Importante, circa il 36 percento dei partecipanti ha riferito di aver iniziato a giocare prima dei 18 anni. Nel complesso, la salute fisica e psicologica dei partecipanti è stata auto-percepita come buona e solo l'8 percento ha problemi. Esplorando le abitudini tossiche, quasi il 55 percento sono fumatori, oltre il 40 percento assume alcool regolarmente, circa l'8 percento altre sostanze non legali e il 10 percento farmaci senza prescrizione medica. Per quanto riguarda la storia psichiatrica personale, il 45 percento dei partecipanti ha riferito di aver consultato professionisti a causa di problemi relativi alla salute mentale. Quasi il 33 percento ha ricevuto un trattamento precedente per disturbi mentali, i più comune sono risultati essere depressione e ansia.

 

 

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.