Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Sapar Puglia: 'Gioco, dati fuorvianti non servono a settore'

  • Scritto da Redazione

Sapar Puglia prende posizione sui dati della società Gedi sul gioco ed evidenzia come portino a conclusioni errate.

Dopo la pressa di posizione dell'associazione "centrale", anche secondo la delegazione pugliese della Sapar "occorre fare chiarezza sulla gestione dei dati forniti dalla società Gedi legata al Gruppo Espresso e consultabili sul portale 'L’Italia delle slot' che hanno generato in questi giorni un massiccio battage mediatico, poiché gli stessi, a causa di un fondamentale equivoco, portano a conclusioni del tutto errate e quindi ad un’onda emozionale non adeguata alla realtà dei fatti. Fornire agli utenti il dato unico delle giocate senza considerare il corretto bilanciamento delle vincite può fare la differenza nel rapporto online del Gruppo Gedi sui soldi che gli italiani spendono nel gioco tra videolottery e Awp (comunemente dette slot machine)".

Come sottolinea l'associazione nazionale Sapar delegazione Puglia, si tratta di "un dato del tutto fuorviante, che tende unicamente a demonizzare un settore che annovera migliaia di lavoratori onesti. Per legge, ricorda la Sapar, le vincite sono per le videolottery intorno all’88 percento e per le Awp garantite almeno al 70 percento rispetto alle giocate. Non è difficile dunque desumere che la somma pro-capite realmente spesa dal singolo utente è la differenza tra il giocato e le vincite. I dati pubblicati dalla piattaforma Gedi invece non sono oggettivi perché tengono conto solo del giocato e non delle vincite, e quindi frutto di una manipolazione poiché riportati a senso unico, con l’esclusivo scopo di sollevare inutili polveroni".

I DATI PUGLIESI - La delegazione sottolinea: "Secondo i dati forniti dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la reale spesa in Puglia nell’anno 2016 per tutti i giochi terrestri, e quindi non solo Videolottery ed Awp, ma anche Lotto, Superenalotto, Gratta e Vinci e Scommesse, è pari a 1.089.000.000 euro (valore dato dalla differenza tra il totale giocato di 4.398.000.000 euro e il totale vinto di 3.309.000.000 euro). Dividendo tale importo per la popolazione pugliese e per i giorni dell’anno, si ottiene una spesa pro-capite giornaliera di 73 centesimi di euro.
Quali possono essere le ragioni che inducono a una scorretta informazione? A chi serve identificare il gioco legale come ludopatia? Perché snocciolare statistiche su utenti di Videolottery e Awp in cura ai Sert? Utenti che rappresentano, tra l'altro, una percentuale risibile di altre patologie da dipendenza. Cresce il sospetto che qualcuno voglia accaparrarsi i fondi destinati dal Ministero della Salute per il contrasto al gioco patologico. Al contempo limitare l'offerta di gioco legale si traduce inevitabilmente nel proliferare di apparecchi illegali! Temiamo purtroppo che l'ombra delle mafie voglia allungarsi sul gioco legale".

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.