Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Pannarale (Liberi e uguali): 'Nuovo Governo riduca gioco'

  • Scritto da Francesca Mancosu

La deputata Annalisa Pannarale chiede al prossimo Governo nuove misure sul gioco e invita il Consiglio della Puglia a modificare la propria legge sul Gap.

"Condivido appieno l'iniziativa e garantisco tutto il mio impegno personale e politico affinché il documento sottoscritto dal coordinamento regionale e nazionale 'Mettiamoci in gioco' venga approvato da una legge nazionale che regolamenti una volta per tutte il gioco d’azzardo. Ad oggi manca ancora la voce decisa di un Governo che dica: facciamola finita con l’azzardo. La richiesta di 'Mettiamoci in gioco' è precisa e urgente e va sostenuta senza se e senza ma. Chiedo, dunque, assieme agli esponenti del coordinamento l’eliminazione di ogni forma di pubblicità, la riduzione di almeno un terzo dei luoghi del gioco, lo stanziamento di fondi per l’assistenza sanitaria alla ludopatia e maggiore potere agli enti locali rispetto alla possibilità di decidere su orari e posizione degli esercizi. Ma anche un forte aumento della tassazione per le centrali del gioco che, per alcune tipologie, fanno i conti con una pressione fiscale quasi inesistente".

Lo chiede la deputata Annalisa Pannarale, candidata al Senato in Puglia per le elezioni amministrative del 4 marzo.
 
"Dobbiamo mettere in campo un’attenzione straordinaria. È vero che la Puglia è stata antesignana nella lotta al fenomeno, ma chiediamo interventi più decisi perché l’aumento del fenomeno qui in Puglia è segno che le misure fin ad ora adottate sono state blande e inadeguate. E nonostante le pressioni di Sinistra Italiana in Regione affinché la legge esistente venga integrata e modificata, l’ultimo Consiglio regionale ne ha ancora una volta rinviato l’esame", conclude Pannarale.
 
 Agli inizi di gennaio il Consiglio regionale della Puglia ha avviato l’esame del testo abbinato delle due proposte di legge di modifica alla legge di contrasto alla diffusione del gioco patologico del 2013 presentate da Mino Borraccino (Sinistra Italiana) e Paolo Pellegrino (La Puglia con Emiliano), subito messo in pausa proprio per la concomitanza con le elezioni politiche.
 

La ripresa dei lavori è prevista nella seduta del Consiglio regionale del 9 marzo.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.