Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

A Londra il Mobile Games Forum: tutti i segreti del gioco su telefonino e le chiavi per il successo

  • Scritto da Redazione GiocoNews.it

Londra – Come è nato il mercato del Mobile gaming e cosa c'è dietro al successo di questo settore? E, soprattutto, quale sarà il suo futuro? Queste ed altre domande trovano esaurienti risposte nel Mobile Games Forum di Londra, l'evento più importante per il mobile gaming, che si svolge oggi e domani nella capitale britannica. Un evento giunto oggi alla dodicesima edizione e che trova ulteriore slancio entrando all'interno di una cornice più ampia come quella della Mobile Games Week, una settimana interamente dedicata al settore. Ma nei due giorni di forum si entra nel vivo del business, con una discussione che parte dallo studio del settore, fin dalle sue origini, per capirne le radici, i segreti e le opportunità.


 

LA NASCITA DEL MOBILE GAMIMG - In principio c’era Snake. Ora migliaia e migliaia di giochi, di app e di servizi per l’intrattenimento mobile. Alla vigilia del Mobile Games Forum, Londra apre le porte al mondo del mobile gaming ripercorrendo le origini di una delle più intriganti branche della new economy e provando ad interpretarne il destino.

NOKIA APRE LE FILA – La nascita del mobile gaming risale al 1997 e coincide con il debutto sui mercati internazionali del telefonino – di grandissimo successo – Nokia 6110, il quale implementò per la prima l’altrettanto popolare giochino ‘Snake’. Un semplice trattino in movimento sullo schermo del proprio telefonino, da comandare attraverso la pressione dei tasti del telefonino, facendolo crescere in lunghezza semplicemente “mangiando” i vari “pasti” che venivano fatti comparire di volta in volta in posizione randomica sul display. Evitando però di far scontare la testa del serpentone virtuale con altre sue estremità, man mano che aumenta il suo ingombro, pena la fine del gioco. Per una vera e propria prova di abilità. E per un gioco capace di tenere incollati al piccolo schermo di quel telefonino (e dei successivi modelli Nokia che hanno continuato a includerlo, anche in varie evoluzioni del gioco) grandi e piccini.
Snake è stato il primo gioco a registrare un successo pervasivo sul mobile, raggiungendo fino a 350 milioni di giocatori sui telefoni Nokia secondo la Entertainment Software Association.

UN GIOCO PERVASIVO - Potere del gioco mobile e della sua industria che, non a caso, viene ritenuta una delle forme di gioco più pervasiva, superando di gran lunga anche i giochi via computer, console e altri dispositivi. Una ricerca di Popcap Games condotta nel 2012 ha rivelato come il 44 percento delle persone ha giocato con un gioco su telefonino. Una cifra che da quel momento sarà ulteriormente aumentata e che merita quindi grande attenzione.
Non a caso, tra il 1997 e il 2001 sono nati vari sviluppatori di giochi, mobile e non solo, e il mercato ha conosciuto una forte espansione. Nel lustro successivo, tra il 2001 e il 2006, il settore ha compiuto un passaggio successivo, con l'ulteriore evoluzione segnata dalla diffusione di nuovi linguaggi di programmazione e, in particolare, dallo sviluppo di Java, che ha permesso di sfornare nuovi giochi di successo. Ed è in questo periodo che si ha il più grande boom di aziende nel settore, con la nascita e crescita di tante software house internazionali.

ARRIVA APPLE CON IPHONE - Il vero salto di qualità, tuttavia, si raggiunge tra il 2007 e il 2010, ma questa volta a guidare il cambiamento non sono più Nokia o Motorola, ma scende in campo la Apple. Negli anni 2007 e 2008, Steve Jobs e il resto del team Apple portano lo sviluppo del mobile gaming a un livello superiore, offrendo agli sviluppatori gli strumenti giusti. Sul fronte mobile, l'annuncio di iPhone avvenuto a gennaio 2007, ha offerto una piattaforma unica e senza dubbio allettante per gli sviluppatori di giochi per cellulari. Con l'aiuto di un grande schermo 'touch' per il controllo e l'interfaccia permetteva di offrire opzioni più varie rispetto al classico tastierino numerico e il solito hardware: l'iPhone è stata quindi una tela futuristica che aveva chiari vantaggi rispetto i telefonini già presenti sul mercato. E, Apple, in cambio di un account da sviluppatore a 99 dollari annuali e un taglio del 30% dei profitti, ha permesso agli sviluppatori di elencare le loro applicazioni per il download sul negozio gestendo la promozione, la distribuzione e la fatturazione.

IL SUCCESSO DELL'APPLE STORE COME VETRINA - Il risultato di questa nuova infrastruttura virtuale è che l'App Store è diventato rapidamente il migliore luogo per gli sviluppatori mobili per distribuire i propri giochi. E anche quegli sviluppatori più piccoli che erano stati tagliati fuori dal mercato dei cellulari, ora avevano l'opportunità di mettere in mostra le proprie creazioni che diventavano accessibili a tutti. Ed è così che molti piccoli sviluppatori hanno conosciuto il grande successo. Si pensi, su tutti, alla creazione di Angry Birds nel 2010. Ed  è così che si è iniziato a capire come piccoli gruppi, attraverso giochi divertenti, potevano riuscire e muovere svariati milionidi dollari.
Grazie a questi successi che hanno permesso all'App Store di accrescere il proprio ottimismo e i propri movimenti, si è conosciuta una grande crescita nel settore del gioco mobile, che ha visto un successo crescente di App Store, passato da 500 applicazioni nel giugno del 2008 a 200.000 a maggio 2010 per rispondere alle esigenza di quasi 50 milioni di possessori di iPhone che si contavano ad aprile 2010.
Ed è così che in questi ultimi anni, dal 2011 al 2014, lo sviluppo di giochi per telefonino è diventato un mercato florido, con la nascita dei giochi 'freemium'.
Inizialmente, la nascita del sistema freemium era semplicemente una reazione al problema della caduta dei prezzi in il negozio. I consumatori che aveva inizialmente sborsato 9,99 dollari per scaricare Super Monkey Ball su App Store, hanno cominciato ad allontanarsi dal concetto di pagare in anticipo per un prodotto, e gli sviluppatori hanno dovuto reagire di conseguenza.
Utilizzando una strategia di prezzo promozionale “tattica” significava che gli utenti potevano giocare partite  gratis e provare il gioco e toccare con mano l'esperienza offerta, per poter scegliere in modo più efficacie.
Il risultato è stato un boom nel numero di giocatori che hanno eseguito download freemium. Giochi rilasciati nel 2012: come CSR Racing Clash of Clans, Hay Day, Puzzle e Draghi e Candy Crush Saga sono stati i pionieri di questo approccio con le stime che parlano di questi giochi che riuscivano a generare circa 2.4milioni di dollari al giorno. E con Clash of Clans che rimane in cima alle classifiche con il record assoluto di incassi.
Nel 2014 c'è stato l'ingresso o il ritorno di veri big sul mercato con sviluppatori che hanno acquisito licenze di successo da Holiwood o dal mondo Disney, come ad esempio il gioco The Walking Dead o la saga Star Wars pronti per il mobile.

 

QUALE FUTURO PER IL MOBILE GAMING? - E ora, nonostante questo straordinario successo, rimangono alcuni grandi punti interrogativi sul futuro del settore del mobile gaming. Anche se un sacco di soldi e grandi successi hanno offuscato i dolori della crescita, sono rimaste delle questioni importanti che potrebbero dominare il futuro del settore. Il primo è la preoccupazione dei governi nazionali rispetto alla natura del libero mercato e della regolamentazione dei giochi. Sia Apple che Google sono stati multati negli Stati Uniti e costretti dall'UE ad apportare modifiche ai propri Store e questo comporta una preoccupazione reale per la nascita di un ambiente caotico dal punto di vista normativo che rischia di ricordare l'industria del gioco d'azzardo.
Il secondo interrogativo riguarda è se davvero l'industria può sostenere tutto ciò o se si tratta di una sorta di bolla. Mentre alcuni sviluppatori conoscono il successo, altre società di medie e piccole dimensioni devono combattere per sopravvivere nella giungla della monetizzazione: soprattutto quando esistono i problemi come l'"app flipping" e la clonazione.  
Ma lo sviluppo tecnologico continua ad offrire scenari entusiasmanti, e al Mobile Games Forum di Londra si parla proprio di questi nuovi scenari.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.