Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Delega, Padoan: parere favorevole a odg su gioco, ma chieste riformulazioni

  • Scritto da Sm

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan ha espresso parere favorevole su alcuni ordini del giorno presentati da Lega e M5S in materia di gioco alla Delega Fiscale.

 

LA LEGA - Sì a quello di Busin (LnP) che impegna il Governo “a valutare la possibilità di garantire una certezza delle risorse previste nel Fondo per il contrasto al gioco d'azzardo, il cui importo è fissato all'interno della legge di stabilità, prevedendo che le risorse destinate a tale finalità non possano essere inferiori all'ammontare fissato nell'anno precedente dalla medesima legge di stabilità”.

Passa anche quello di Marcolin (LnP) che impegna il Governo “a valutare la possibilità di incrementare le risorse del Fondo per il contrasto al gioco d'azzardo, il cui ammontare è determinato dalla legge di stabilità, attraverso gli importi derivanti dalle sanzioni amministrative derivanti da attività di contrasto alla ludopatia”.

Ok anche a quello di Rondini (LnP) "a valutare l'opportunità' di rafforzare ed intensificare le iniziative al fine di introdurre sanzioni amministrative e penali per gli esercenti che vendano giochi con vincite a premi ai minori di anni 18, e la contemporanea chiusura dei luoghi di gioco per gli esercenti che vendano giochi con vincite a premi ai minorenni”.

 

IL MOVIMENTO 5 STELLE - Per quello a firma di alcuni deputati del M5S si chiede la riformulazione con l'introduzione della frase 'a valutare l'opportunità di', impegnando il Governo "ad adottare ulteriori iniziative normative al fine di introdurre il divieto assoluto di pubblicità per tutti i giochi con vincita in denaro, compresi quelli on-line, non limitandola alla sola tutela dei minori e in tale contesto prevedendo forme efficaci di monitoraggio e controllo della disposizione di divieto della pubblicità dei citati giochi".

E quello, senza riformulazione, che chiede che "in tutti gli atti di competenza del Governo non si usi la definizione ‘ludopatia’ ma la definizione ‘gioco d'azzardo patologico’”.

 

Inoltre via libera all’odg che chiede di “prevedere il rafforzamento dei poteri dei sindaci in materia di localizzazione degli apparecchi da gioco che devono essere ubicati lontani da luoghi sensibili ad esempio scuole, centri anziani o da banche e uffici postali”, anche se Padoan sottolinea che "quanto richiesto mi sembra sia già nel testo del provvedimento".

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.