Logo

Puglia con Emiliano: 'Attuare legge Gap, avviare progetti di formazione'

Il presidente del gruppo consiliare Puglia con Emiliano, Paolo Pellegrino, chiede di attuare legge sul Gap e avviare progetti di formazione e informazione.



“Avviare un progetto cha abbia lo scopo di ridurre il numero dei giocatori a rischio, attraverso iniziative di informazione e prevenzione estese sull’intero territorio regionale e all’assistenza alle persone e alle loro famiglie che presentano ormai una dipendenza conclamata da gioco d’azzardo patologico. E provvedere alla realizzazione di una rete territoriale di servizi qualificata e professionalmente in grado di farsi carico delle persone con tale problema”.

 

Lo dichiara il presidente del gruppo consiliare de La Puglia con Emiliano, Paolo Pellegrino, che ha inviato un’interrogazione a risposta scritta intitolata 'Costituzione di un tavolo regionale di coordinamento sulla tematica del Gap, composto da professionisti operanti nei Dipartimenti delle Dipendenze delle Aziende USL pugliesi e di Enti e/o Associazioni maggiormente attive e coinvolte nella tematica. Sviluppo di linee di azione specifica per l’individuazione di percorsi assistenziali in favore di persone con problemi di Gap' rivolta al presidente della giunta regionale e assessore alla Salute.

 


“Assistiamo – spiega il capogruppo - alla crescita esponenziale di sale bingo, sale giochi, slot-machine, giochi on line, con il conseguente aumento della platea dei giocatori e con l’esplosione del problema della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico, come vera e propria patologia da prevenire e curare. Occorre per tali motivi dare seguito alla legge regionale n. 43/2013 'Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (GAP)' costituendo il tavolo regionale di coordinamento sulla tematica, composto da professionisti operanti nei Dipartimenti delle Dipendenze delle Aziende USL pugliesi e di Enti e/o Associazioni maggiormente attive e coinvolte nella tematica al fine di proporre alla Giunta regionale un programma di intervento organico, articolato e condiviso da svilupparsi secondo quattro direttrici (Prevenzione primaria, Prevenzione secondaria, Formazione degli operatori, Trattamento ambulatoriale e, per i soggetti più compromessi, la sperimentazione di una comunità residenziale sul territorio pugliese) e predisponendo la costituzione di un Osservatorio sulla dipendenza da gioco, al fine di formulare proposte e pareri per il perseguimento delle predette finalità, relazionando annualmente sul monitoraggio svolto nell’ambito delle attività terapeutiche prestate ai soggetti affetti da GAP, nonché predisporre campagne di informazione e sensibilizzazione sui rischi connessi al gioco d’azzardo patologico”.

MANCA DEFINIZIONE DEL GAP - L’interrogazione del presidente del Gruppo consiliare PCE parte da diverse considerazioni. “La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome – spiega - ha elaborato un documento per l’audizione della Commissione della Camera sul 'gambling patologico', dove si evince che “La dipendenza da gioco d’azzardo, detta anche gambling patologico, rimasta latente da sempre, esplode a causa della legalizzazione, da parte dello Stato, dei giochi con vincite in denaro. Il particolare momento di disagio sociale ed economico che sta attraversando l’Italia ha accentuato il ricorso al gioco, come fonte di possibile recupero di risorse finanziarie, anche da parte di inoccupati e di coloro che perdono il lavoro. Sul piano legislativo, come è noto, non esiste ancora a livello nazionale, un chiaro quadro normativo di riferimento, che definisca il gioco d’azzardo patologico come un problema di salute e ne stabilisca di conseguenza la responsabilità della cura. Ciò comporterebbe di dare un mandato al Servizio Sanitario Nazionale individuando i servizi che se ne devono far carico, anche se il recente comma 70, dell’art. 1 della legge 220 del 13 dicembre 2010 (la legge finanziaria del 2011) stabilisce per la prima volta con una norma primaria l’esistenza di fenomeni di ludopatia conseguente a gioco compulsivo necessitanti la definizione di apposite linee d’azione per la prevenzione, il contrasto e il recupero".
 

RISPETTARE LEGGE REGIONALE - “Bisogna inoltre considerare – aggiunge il presidente - che la prevenzione, la cura e l’assistenza alle persone con problemi di Gap e dei loro familiari, non essendo inseriti nel Livelli Essenziali di Assistenza , sono state lasciate alla sensibilità di alcuni amministratori regionali e di professionisti nel settore”. Nelle Regione Puglia, infatti, in base all’andamento delle statistiche dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato relative alla quantità di denaro giocato, si colloca all’ottava posizione (dati aggiornati ad ottobre 2012) con fatturato di 438 milioni di euro). “E alla luce di questi dati – aggiunge – appare sempre più necessario far emergere, coordinare e valorizzare l’attività di informazione, prevenzione e recupero dalla dipendenza dal Gioco d’Azzardo Patologico (GAP) attraverso un progetto cha abbia lo scopo di ridurre il numero dei giocatori a rischio. In effetti in molte regioni il problema è stato affrontato attraverso i servizi. La Regione Toscana ad esempio nel 2009 ha approvato le 'Linee di indirizzo sugli interventi di prevenzione, formazione e trattamento del Gioco d’Azzardo Patologico'. La legge regionale pugliese approvata nel dicembre 2013 – conclude il capogruppo PCE– prevede specifiche norme. L’autorizzazione all’esercizio, ad esempio, non viene concessa nel caso di ubicazioni in un raggio non inferiore a cinquecento metri, misurati per la distanza pedonale più breve, da istituti scolastici di qualsiasi grado, luoghi di culto, oratori, impianti sportivi e centri giovanili, centri sociali o altri istituti frequentati principalmente da giovani o strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio-assistenziale e, inoltre, strutture ricettive per categorie protette. L’autorizzazione è concessa per cinque anni e può essere chiesto il rinnovo dopo la scadenza. Per questo occorre rispettare questa norma e sensibilizzare i Comuni a stilare l’elenco degli esercizi in possesso del marchio ‘Libero da slot – Regione Puglia’ che consente ai consumatori di effettuare una scelta libera e consapevole”.
 
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.