Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Emilia Romagna 'Gap, distanze attuate entro 15 giugno', M5S critico

  • Scritto da Redazione

L’assessore dell'Emilia Romagna Sergio Venturi risponde a Raffaella Sensoli e Andrea Bertani (MS5) e fissa attuazione del distanziometro anti-Gap.

 

“L’atto deliberativo è in fase conclusiva e sarà proposto all’approvazione della Giunta entro la metà del prossimo mese di giugno”.

È l’assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi, a rispondere in Assemblea legislativa dell'Emilia Romagna all’interrogazione a risposta immediata presentata da Raffaella Sensoli e Andrea Bertani del Movimento cinque stelle sul tema gioco d’azzardo, attraverso la quale i due consiglieri chiedono di “adottare in tempi celeri l’atto previsto dalla legge regionale 18 del 2016 che vieta l’esercizio di attività di gioco d’azzardo in sedi distanti meno di 500 metri da luoghi sensibili, quali istituti scolastici, luoghi di culto, impianti sportivi, strutture residenziali o semi residenziali operanti in ambito sanitario o sociosanitario, strutture ricettive per categorie protette, luoghi di aggregazione giovanile e oratori”.


VENTURI: "TUTELARE OCCUPAZIONE" - I tempi di redazione, ha riferito in Aula Venturi, “si sono allungati per la necessità di contemperare le esigenze di tutela della salute dei singoli e della collettività, certamente di interesse preminente, con quelle della tutela della continuità occupazionale di chi lavora negli esercizi che saranno oggetto di delocalizzazione”. Inoltre, ha aggiunto, “si è dovuto provvedere a dettagliare con completezza le incombenze a carico dei Comuni, che dovranno provvedere alla mappatura dei luoghi sensibili per i successivi provvedimenti di chiusura, al fine di ridurre il rischio di contenziosi”.
 
M5S: "RITARDO VERGOGNOSO" - Il Movimento cinque stelle aveva sollecitato in tal senso la Giunta già qualche settimana fa e rimarca il ritardo nell'attuazione della disposizione inclusa nel Testo unico sulla legalità approvato nell'ottobre 2016.
"Il ritardo con cui Bonaccini e i suoi assessori si sono mossi su questo tema è semplicemente vergognoso visto che nel frattempo, come ha dimostrato il caso della di via Crimea a Rimini, sale scommesse e luoghi dedicati completamente all’azzardo hanno continuato ad aprire vicino a scuole, parchi pubblici, case di riposo, palestre e ospedali. A questo punto ci chiediamo se non ci fosse stato il MoVimento 5 Stelle quanto tempo avrebbe ancora perso la Giunta, rimandando ancora l’adozione di questo provvedimento”, commenta la portavoce M5S in consiglio regionale, Raffaella Sensoli.
 
BERTANI: "PRIMA LA SALUTE" - “La giustificazione delle verifiche sulla tutela occupazionale dei centri scommesse che saranno interessati dalla legge avanzata dall’assessore Venturi oggi in aula non regge – aggiunge Andrea Bertani – La legge non sancisce la chiusura di queste attività ma il loro trasferimento lontano dai luoghi sensibili. Un rischio che chi in questi anni ha aperto una sala scommesse davanti a una scuola o un ospedale doveva mettere in conto. Il diritto e la tutela della salute deve venire prima di tutto e per questo adesso ci aspettiamo che la Giunta mantenga l’impegno preso oggi in Aula ed emani al più presto questo regolamento. A quel punto toccherà ai sindaci emanare le ordinanze che, per non creare ulteriori ed inaccettabili ritardi, dovranno essere immediati”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.