Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Roasio, gioco vietato dopo le 23: dal 20 novembre via gli apparecchi

  • Scritto da Redazione

C'è tempo fino al 27 ottobre per fare ricorso contro i limiti al gioco nel comune di Roasio (Vc), dal 20 novembre via gli apparecchi dagli esercizi pubblici.

 

Scadono il 27 ottobre i termini per proporre ricorso straordinario al presidente della Repubblica contro l'ordinanza sindacale sul gioco emanata dal Comune di Roasio, in provincia di Vercelli, in attuazione della legge regionale del Piemonte per il contrasto al Gap.

Secondo l'ordinanza, gli orari di utilizzo degli apparecchi collocati all'interno di sale da gioco, sale scommesse, esercizi pubblici o commerciali, tabaccherie e circoli privati sono compresi fra le 9 e le 13, e fra le 16.30 e le 23 di tutti i giorni, festivi compresi.

In ottemperanza alla vigente normativa regionale, inoltre devono essere rimossi gli apparecchi collocati negli esercizi distanti meno di 300 metri dai cosiddetti "luoghi sensibili" (scuole, ospedali, stazioni ferroviarie e compro ori), in virtù di una popolazione inferiore ai 5mila abitanti: la data limite è il 20 novembre 2017 per gli esercizi pubblici, commerciali, circoli privati e il 20 maggio 2019 per le sale scommesse e le sale giochi.

LE SANZIONI - Secondo quanto previsto dalla legge piemontese, la violazione del distanziometro è soggetta ad una sanzione amministrativa pecuniaria compresa fra 2mila e 6mila euro "per ogni apparecchio per il gioco di cui all’articolo 110, commi 6
e 7 del r.d. 773/1931, nonché alla chiusura del medesimo mediante sigilli;
il mancato rispetto delle limitazioni all’orario dell’esercizio del gioco di cui all’articolo 6 è
soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria compresa fra 500 e 1.500 euro per ogni apparecchio per il gioco di cui all’articolo 110, commi 6 e 7 del r.d. 773/1931; il mancato rispetto del divieto di pubblicità è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria compresa fra 1.000 e 5mila euro. Ai soggetti che nel corso di un biennio commettono tre violazioni, anche non continuative, delle disposizioni il comune dispone la chiusura definitiva degli apparecchi".
 

L’ordinanza resterà consultabile nell'albo pretorio del Comune di Roasio fino al 20 novembre.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.