Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Riordino giochi: Ragioneria dello Stato, dubbi su decreto

  • Scritto da Redazione

Incontro il prossimo 4 dicembre tra Baretta e la Ragioneria dello Stato sul decreto giochi, ma il rischio è l'ulteriore slittamento. 

Il tanto atteso decreto sui giochi, che va a sancire l'accordo in Conferenza Unificata dello scorso 7 settembre, tra Governo e territori, e che prevere di dimezzare i punti di gioco che ospitano slot machine, riducendo queste ultime del 35 percento, potrebbe non riuscire a vedere la luce prima della fine della legislatura. La Ragioneria generale dello Stato, infatti, avrebbe sollevato dubbi, proprio sulla riduzione delle sale che comporterebbe, anche se a partire dal 2019, una consistente diminuzione del gettito erariale stimato, secondo alcune fonti, in almeno 1,5 miliardi di euro. Lo rende noto il Messaggero. Se a ciò si somma il mancato introito delle Regioni si supera tranquillamente la cifra di 2 miliardi. Domani, 4 dicembre, è in programma un vertice tra il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, e la Ragioneria per provare a sbloccare la questione.  

Il decreto, che avrebbe dovuto essere approvato entro il 30 ottobre scorso, rischia così di non arrivare, perpetrando il caos normativo che avrebbe dovuto risolvere. Ed il Piemonte in questo docet. Tanto che Baretta ha rimarcato il fatto di volere portare giovedì prossimo la questione del rispetto dell’intesa direttamente alla Conferenza unificata. 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.