Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Legge Gap Toscana, il 16 gennaio il voto in Consiglio regionale

  • Scritto da Redazione

Il 16 gennaio è atteso il sì del Consiglio regionale della Toscana alla nuova legge sul Gap dopo il parere favorevole della commissione Sanità.

 

Si avvicina a grandi passi la modifica della legge sul gioco della Toscana. Nella seduta di oggi, 10 gennaio, la commissione Sanità ha dato parere favorevole alla nuova regolamentazione. Martedì 16 il passaggio definitivo in Aula.

 

IL PLAUSO DEL PRESIDENTE SCARAMELLI - "La Toscana tutta può e deve essere orgogliosa del risultato raggiunto oggi in commissione Sanità! Approvato a larghissima maggioranza il testo di legge che modifica le norme e aumenta il contrasto al gioco d'azzardo patologico. Nuovi punti sensibili da cui stare lontani, corsi di formazione appropriati per gestori e dipendenti, investimento sulla prevenzione, nuovo sistema sanzionatorio e grande restrizione in merito alle nuove aperture o subingressi", scrive sul suo profilo Facebook il presidente della commissione Stefano Scaramelli. "Lo sforzo di queste settimane fatto come presidente della Commissione e come Pd di trovare la sintesi con Forza Italia, Mdp, 5 stelle e Sinistra Italiana sulla base della proposta avanzata da Anci per conto del suo delegato Simona Neri ha trovato riscontro positivo nella disponibilità di tutte le forze politiche nel convergere su un testo condiviso. La Toscana ha fatto la Toscana nel contesto nazionale di contrasto al gioco d'azzardo e sostegno alla difesa di questa patologia che sta diventando una piaga della nostra società".
 
 
NERI: "FORMAZIONE PRIMA DI TUTTO" - Ad esprimere soddisfazione per il sì in commissione è la responsabile Anci Toscana per il progetto 'Ludopatie e Bullismo' Simona Neri, in quanto il testo recepisce infatti tutti i contributi presentati da Anci Toscana: l'inserimento tra i luoghi sensibili delle scuole dell'infanzia, gli sportelli bancomat ed i compro-oro (così come inserito anche al'interno del regolamento comunale che Neri ha inviato a tutti i Comuni toscani), ma soprattutto l'introduzione dell'obbligo di formazione per gestori e personale operante nell'ambito dei centri scommesse e di spazi per il gioco. Non si tratta di una legge retroattiva per quanto concerne il cosiddetto 'distanziometro' dai luoghi sensibili, ma un altro importante aggiornamento riguarda l'estensione della definizione di 'nuova installazione' anche in caso di stipula di nuovo contratto o di installazione degli apparecchi in altri locali, a seguito del trasferimento della sede.
 
PRESTO ORDINANZA ORARIA- "Le novità introdotte sono tante ed importanti, rendono la nostra una Regione tra le più aggiornate sul tema, anche alla luce delle misure concordate in sede di Conferenza Unificata", commenta Neri. "L'introduzione dell'obbligo di formazione per i gestori ed il personale del settore ci allinea a molte altre Regioni italiane. Ringrazio quindi la commissione Sanità che questa mattina ha dato il via libera a questo importante provvedimento che, accanto al costante lavoro del personale operante nei SerT, contribuirà a limitare lo sviluppo di una patologia sempre più diffusa. Il lavoro è solo all'inizio, dopo il regolamento comunale e la proposta di modifica della legge regionale il tavolo di Anci continuerà a lavorare per la definizione di un'ordinanza tipo sugli orari di interruzione del gioco e, certamente, per intervenire sul tema della pubblicità e sulla regolamentazione del gioco online che rappresenta un pericolo soprattutto per i più piccoli".
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.