Logo

Spessotto (M5S): 'Gioco, più poteri ai Comuni'

La deputata uscente del M5S, Arianna Spessotto, evidenzia la necessità di rafforzare i poteri dei Comuni in materia di gioco.

 

In materia di gioco "i Comuni, che rappresentano il primo argine sul territorio contro questa piaga, devono essere messi nelle condizioni di avere maggiori strumenti, anche normativi, e un potere rafforzato su questa materia. Sempre più spesso, infatti, le amministrazioni comunali sono messe in difficoltà dagli esercenti e dalle concessionarie, che hanno presentato negli anni numerosi ricorsi ai giudici amministrativi contro i tentativi messi in atto per arginare il fenomeno". Lo afferma in una nota la deputata uscente del Movimento Cinque Stelle Arianna Spessotto, che ricorda "che è stato proprio il Pd a far approvare in Commissione Finanze, nell'ultima legge di Bilancio, la proroga di un anno per il rilascio di nulla osta alle nuove slot-machine, dimostrando così di essere interessato solo a fare cassa con i proventi del gioco, piuttosto che tutelare la salute dei cittadini.
Non possiamo accettare uno Stato che prima si comporta da biscazziere, spingendo le persone a giocare e creando artificialmente la domanda di azzardo, e poi riconosce la ludopatia come una patologia da curare: intervenire non solo è doveroso, etico e civile, ma ormai, vista la drammaticità della situazione, è necessario.
Il M5S ha messo nero su bianco nel suo programma tutta una serie di strumenti, come il divieto di pubblicità e sponsorizzazione diretta e indiretta, le campagne informative nelle scuole, l’eliminazione totale del machine gambling, per realizzare interventi centrali e territoriali finalizzati alla prevenzione e al trattamento del gioco d’azzardo patologico. In questo modo anche ai Comuni sarà riconosciuta una maggiore possibilità di azione".

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.