gioconews_player
gioconews_poker
gioconews_casino
seguici su
gioconews_player
gioconews_player
youtube
Google plus
Linkedin
Vimeo

Facebook, scommesse a portata di tutti

Gruppi, proposte di quote, partite truccate e altre tentazioni per minorenni e non

Leggi tutto

Francesco Nguyen si confessa a Gioconews.it

'Mi stanno facendo perdere la voglia di giocare a poker ma continuo a lottare'

Leggi tutto

Taiwan, è tempo di casinò

Nel 2015 l’approvazione della legge, il baricentro del gioco si sposta sempre di più verso l’Asia

Leggi tutto

Trovaci su Facebook

Prima Pagina

Regione Sicilia, ass. Borsellino: "Al lavoro su linee guida di contrasto al Gap"

Regione Sicilia, ass. Borsellino: "Al lavoro su linee guida di contrasto al Gap"

“L’Assessorato Regionale della Salute avvalendosi di un tavolo tecnico di specialisti sta approntando le linee guida per la prevenzione del ... Leggi Tutto

Operazione giocate uniformi alle slot: Castilla e Leon invia il decreto a Bruxelles

Operazione giocate uniformi alle slot: Castilla e Leon invia il decreto a Bruxelles

La Comunità di Castilla e Leon ha trasmesso a Bruxelles, per il consueto periodo trimestrale di stand still durante il quale gli stati membr... Leggi Tutto

Vlt: no a due concessionari in una stessa sala, principio di univocità legittimo secondo il Tar Lazio

tribunale bandoIn una sala 'dedicata' alle videolottery non possono coesistere piattaforme di gioco collegate a due o più concessionari diversi. A stabilirlo (o, meglio, a confermarlo definitivamente) sono i giudici della Seconda sezione del Tar del Lazio con una pronuncia  che, nel settore, si è fatta attendere per oltre un anno  e mezzo. Alla fine, dunque, il verdetto del Tar Lazio sul cosiddetto 'Principio di Univocità' è arrivato, a seguito di una udienza di merito che si è svolta addirittura lo scorso ottobre 2011, e ha confermato l'operato dei Monopoli di Stato che avevano imposto l'impossibilità di ospitare più piattaforme di gioco collegate a più concessionari di rete (mentre rimane la possibilità, al contrario, di installare più piattaforme di gioco di produttori diverse purché collegate allo stesso concessionario), attraverso alcuni provvedimenti (e, in particolare, nella circolare del 30 novembre 2010 qui impugnata) che – scrivono i giudici laziali – rappresentano “atti esplicativi di Aams” che “interpreta la legge” ma non “integra” né “pone in esecuzione dandone attuazione” una disposizione di legge.

New slot: richiesta di 100 euro per ogni nulla osta prematura secondo Aams

Ma se la questione poteva, ad alcuni, apparire in qualche modo 'scontata' in quanto espressamente contemplata nell'attuale impianto normativo su cui si basa il settore delle videolottery, in realtà, la situazioe era tutt'altro che semplice, al punto che ci è voluta una sentenza di venti pagine per motivare la decisione presa dal Tribunale Amministrativo, in una diatribe legale alla  quale hanno partecipato – tra ricorrenti, opponendum e adiuvandum – quattro concessionari di rete, due associazioni oltre all'Amministrazione dei Monopoli di Stato e, quindi, l'avvocatura generale dello Stato.

Il Principio dell'Univocità che lega ad un 'ambiente dedicato' un solo concessionario  e la propria piattaforma, è stato chiarito da Aams - e dunque affermato - attraverso la circolare del 30 novembre 2010, ma è stato fortemente criticato da alcuni concessionari (in particolare, dal concessionario Gamenet, supportato nella causa adll'associazione Ascob visto che la sala vlt specifica era ospitata all'interno di una sala bingo) che sostengono che tale restrizione rappresenti una "limitazione della libertà di concorrenza", peraltro non supportato da un'adeguata previsione normativa.
Una tesi, tuttavia, non ritenuta consona dall'Amministrazione (supportata nella diatriba legale da alcuni concessionari di rete e dall'associazione FederBingo, costituitisi ad adiuvandum) che si direbbe convinta dell'impossibilità di vedere una limitazione della libertà di concorrenza, poiché tale misura non risponderebbe alle esigenze di natura tecnica proprie delle Vlt, ma che è stata assicurata la tutela di interessi anche superiori, come l'affidamento del giocatore e l'ordine pubblico, che le norme di riferimento delle Vlt la presuppongano inequivocabilmente.
Il Principio di univocità è stato previsto nella normativa che regolamenta le videolottery per via di varie esigenze di natura tecnica specifiche di questi prodotti di gioco. Basti pensare al regime delle comunicazioni che ogni concessionario è tenuto ad effettuare per ogni sala e alle difficoltà che scaturirebbero nel far comunicare congiuntamente due (o più) concessionari conviventi nella stessa sala.
Senza contare poi le esigenze tecniche dovute all'esistenza del jackpot sul quale si basano le videolottery. La norma dice che l'importo massimo del jackpot relativo a ogni sala deve essere di 100mila euro e pare quindi impossibile da un punto di vista tecnico la gestione da parte di due o più concessionari conviventi di questo sistema di jackpot, tenendo conto che i sistemi di gioco non sono tecnicamente concepiti dalla normativa di settore per dialogare tra loro.
Il caso in questione era tato sottoposto all'attenzione del Giudice Amministrativo (con un ricorso che risale allo scorso marzo) il quale però ha ritenuto di non concedere la sospensiva del provvedimento impugnato richiesta dai ricorrenti ed è quindi rimasto applicabile e vigente. Almeno fino allo scorso 12 ottobre, data in cui era stata fissata dal Tar Lazio la discussione nel merito di tale causa. Salvo poi arrivare fino ad agosto 2012 per la definitiva sentenza.

E nelle lunghissime motivazioni espresse dai giudici – dove trovano posto anche riferimenti espliciti al diritto comunitario (visto che la contestazione principale contro la disciplina di Aams era stata la “palese  lesione del principio, di provenienza comunitaria, secondo il quale la libertà di iniziativa economica deve essere garantita su tutto il territorio degli Stati dell’Unione europea”, con l'interpretazione che Aams fa propria delle disposizioni volte all’attivazione degli apparecchi Vlt ritenuta “fortemente violativa del principio della libera concorrenza tra i concessionari nello specifico settore”, “impedendo loro di realizzare quell’ampia  differenziazione dell’offerta che hanno dimostrato di saper proporre nel concreto”) viene ribadito che “Pur ad un occhio inesperto appare decisamente arduo realizzare correttamente tutte le suindicate operazioni qualora le relazioni intervenissero tra il gestore della sala e, contemporaneamente, apparecchi relativi a più concessionari, tenuto conto che gli apparecchi potrebbero (come avviene nella realtà)  contenere giochi diversi e con diversa capacità di vittoria. La presenza di più relazioni con diversi concessionari si presterebbe quindi a facilitare condotte elusive e poste in essere in violazione delle specifiche e (correttamente) restrittive norme di settore (in quanto rivolte a tutelare interessi di rilievo nazionale e comunitario quale è quello di prevenire l'esercizio delle attività di gioco per fini criminali o fraudolenti e tener conto dell'impatto del settore sulle entrate dello Stato, senza che dette restrizioni appaiano esorbitare “quanto necessario al raggiungimento degli indicati scopi”).

Share

Altre Notizie

  • 1
  • 2
  • 3

Gtech sigla contratto di 7 anni con la Missouri lottery per fornitura tecnologie e servizi

Gtech sigla contratto di 7 anni con la Missouri lottery per fornitura tecnologie e servizi

La controllata Gtech Corporation si è aggiudicata un contratto di sette anni con la Missou... Leggi Tutto

Stabilità: governo pronto a riscrivere norme sui giochi, tra slittamento Preu e sanatoria Ctd

Stabilità: governo pronto a riscrivere norme sui giochi, tra slittamento Preu e sanatoria Ctd

Roma – Se la revisione del Preu sugli apparecchi non è destinata a portare denari nelle ca... Leggi Tutto

Mipaaf: al via decreto su criteri di rappresentatività, novità anche su convenzione 2014

Mipaaf: al via decreto su criteri di rappresentatività, novità anche su convenzione 2014

Il Mipaaf ha pubblicato il decreto ‘Criteri di rappresentatività delle associazioni costit... Leggi Tutto

Minzolini (Fi): “Maxi multe a concessionari slot e danno erariale, governo approfondisca questione”

Minzolini (Fi): “Maxi multe a concessionari slot e danno erariale, governo approfondisca questione”

Il senatore di Forza Italia Augusto Minzolini ha presentato una nuova interrogazione al pr... Leggi Tutto

Imprenditori Ippici: "Stato tiene per sé introiti delle iscrizioni ai Gran Premi"

Imprenditori Ippici: "Stato tiene per sé introiti delle iscrizioni ai Gran Premi"

"Si stimano in circa 3 milioni di euro gli importi versati dalle scuderie, a titolo di isc... Leggi Tutto

A Madrid la seconda edizione dell'Iberoamerican Gaming Summit

A Madrid la seconda edizione dell'Iberoamerican Gaming Summit

Madrid ospiterà il secondo Iberoamerican Gaming Summit di cui Gioconews.it è media partner... Leggi Tutto

Ronald Partridge entra a far parte di Suzo Happ

Ronald Partridge entra a far parte di Suzo-Happ

Suzo-Happ comunica che Ronald Partridge è entrato a far parte del Gruppo in qualità di pre... Leggi Tutto

Registrati con Facebook-Twitter-G+

Ultimi eventi

Stay connected

La parola all'esperto...

Banca contro il Gap, Cardia: “Inibire uso carte di credito per il gioco incentiva illegalità”

Banca contro il Gap, Cardia: “Inibire uso carte di credito per il gioco incentiva illegalità”

“L’iniziativa delle carte di credito determina effetti diversi da quelli dichiarati: incentivazione del gioco illegale e penalizzazione dei giocatori”. Ne... Leggi Tutto

Dalle aziende

Gioco News, la rivista di novembre è online

Gioco News, la rivista di novembre è online

La politica limiti ma non vieti il gioco legale, con il rischio di consegnare il settore nelle mani dell’illegalità. È... Leggi Tutto
Sfoglia la rivista online!

Newsletter



Iscriviti per essere sempre aggiornato
© Copyright 2012 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati

Login|Register or Registrati

LOG IN

popup R3D Floater