Logo

Arbitro squalificato a vita, Calvi (Glms): 'Lotta globale al match fixing'

Il presidente Glms, Ludovico Calvi, commenta la squalifica a vita decisa dal Cas per un arbitro coinvolto in un caso di match fixing.

Il 15 gennaio, la Fifa ha rilasciato una dichiarazione pubblica, sulla decisione della Cas- Corte d'arbitrato per lo sport relativa al funzionario della partita Joseph Odartei Lamptey che ha confermato il divieto a vita imposto dai comitati disciplinari e di ricorso della Fifa.

Per il Cas infatti vi era un collegamento tra le decisioni intenzionalmente sbagliate del funzionario della partita e una deviazione rispetto a un modello di scommesse previsto, come riportato da 5 diversi sistemi di monitoraggio, incluso il Global lottery monitoring system. Il Cas ha ritenuto Lamptey colpevole di aver influenzato illecitamente il risultato della partita. Il membro del Comitato Esecutivo Glms, Rupert Bolingbroke (responsabile del Trading dell'Hong Kong Jockey Club), ha anche contribuito al caso con le sue conoscenze specialistiche su questioni rilevanti.

Il presidente Glms, Ludovico Calvi, afferma: "Siamo lieti che Glsm abbia ancora una volta contribuito a rendere giustizia nel calcio e abbia sostenuto i suoi stakeholder sportivi nel mantenere lo sport sicuro, pulito e foriero d'ispirazione. Con il lancio del nostro nuovo hub operativo a Hong Kong e la completezza del nostro processo di globalizzazione, sono fiducioso che Glsm svolgerà un ruolo chiave nel sostenere attivamente la lotta globale in corso contro questa enorme minaccia ai valori dello sport".
 
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.