Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Amusement: peluche e premi, la bolla non è esplosa

  • Scritto da Steven Carson, InterGame

Le tendenze nei giocattoli e nei premi in uscita dal lockdown possono dare una miriade di informazioni utili al settore dell'Amusement: ecco un approfondimento di InterGame per Gioco News.

Gli eventi globali degli ultimi mesi hanno reso la circolazione delle merci una sfida in tutto il mondo. Per l'industria dei peluche e dei premi, la situazione è particolarmente difficile, poiché la maggior parte della produzione dei prodotti avviene in Cina e in Estremo Oriente. Inoltre questo business guidato dalla moda, che richiede ai grossisti di prevedere le tendenze diverse stagioni a venire, è stato messo fuori gioco poiché la pandemia ha chiuso i siti dei clienti per lunghi periodi di tempo. InterGame ha incontrato alcuni dei principali attori nel mercato dei peluche e dei premi per vedere come si stanno riprendendo, le continue frustrazioni e quali sono i prodotti attualmente più popolari nelle sale giochi di tutto il mondo

Cosa possiamo imparare dalle tendenze nei giocattoli e nei premi in uscita dal lockdown? (Una quantità sorprendente di informazioni, a quanto pare). Peluche e premi sono il carburante che alimenta le sale giochi di tutto il mondo ma, sfortunatamente, il carburante, i camion e i container per fornire i premi non sono stati facili da trovare mentre il mondo torna a lavorare. La catena di approvvigionamento, mentre emergiamo dalla pandemia, rimane la sfida più grande, ma per quelle aziende con sede nel Regno Unito ci sono anche ulteriori complicazioni poiché il paese si stabilizza dopo la sua uscita dall'Ue.

Lauren Shipman del principale fornitore Whitehouse Leisure afferma: “Siamo stati tutti colpiti dalla pandemia e dagli effetti a catena che ciò ha avuto; siamo tutti di fronte a costi crescenti di trasporto e ritardi alle merci che arrivano nel Regno Unito. "Siamo fortunati ad avere un buon team di persone che hanno lavorato instancabilmente sia nel Regno Unito che in Estremo Oriente per portare i prodotti a noi e ai clienti nel modo più efficiente possibile. Sappiamo che questi costi e ritardi in aumento non andranno via presto e quindi prima del 2022 abbiamo lavorato per ottenere ordini effettuati prima che mai per assicurarci di essere in una buona posizione per supportare i nostri clienti con i migliori prodotti nel 2022”.

David Cope di Huggables, con sede nel Regno Unito, è d'accordo. “Oltre il 95 percento dei nostri prodotti proviene dall'Estremo Oriente dalla nostra consolidata base di produzione. Come ci si aspetterebbe, le attuali problematiche relative alle spedizioni e ai conducenti di mezzi pesanti hanno notevolmente allungato i tempi di consegna. Tuttavia continuiamo a produrre prodotti e abbiamo rafforzato la nostra gamma con acquisti nazionali. Questo continua a mantenere le nostre scorte a livelli ragionevoli".

Michael Tipton di North American Redemption Plus riferisce che la ripresa è buona nella sua regione, anche se la riduzione della forza lavoro si sta rivelando una sfida. “Redemption Plus ha chiuso quando la pandemia ha colpito gli Stati Uniti e il Canada, come la maggior parte se non tutti i nostri clienti. I nostri clienti hanno iniziato ad aprire già a luglio 2020 ma abbiamo visto un aumento significativo delle aperture dei clienti la scorsa primavera del 2021. Con ciò, siamo stati in grado di riportare alcuni dipendenti e assumerne di nuovi, il che è una bella sensazione e un segno della nostra crescita.

“Siamo impegnati a rieducare i clienti che stanno lottando con una forza lavoro ridotta e stanno gestendo da soli le redemption, spesso per la prima volta in assoluto. Abbiamo dovuto creare nuovi strumenti e sviluppare nuove tecnologie per rendere più facili le redemption per i clienti "principianti". Ma essere innovativi e ascoltare la nostra base clienti è l'essenza di Redemption Plus, quindi è stata una sfida straordinaria da affrontare".

Anche Michael Novak di Rhode Island Novelty ha notato che il mondo sembra essere diventato più piccolo quando si tratta di tendenze. “Stiamo assistendo a tendenze simili in tutto il mondo. Ciò che è popolare negli Stati Uniti per la maggior parte è popolare, ad esempio, negli Emirati Arabi Uniti. Anni fa, non abbiamo mai venduto alcun articolo di Halloween negli Emirati Arabi Uniti; tuttavia quest'anno è stato molto popolare negli Emirati Arabi Uniti mentre ci avviciniamo ad Halloween. Abbiamo notato che la maggioranza degli operatori Fec del Nord America attribuisce maggiore importanza al loro banco dei premi o alla sala premi rispetto, ad esempio, alla regione Mena. In quanto tali, costituiscono il mercato più forte sia per i peluche che per i premi. I premi guidano il gioco, quindi se si ha una buona selezione di giochi e un buon programma di merchandising si farà bene.

In definitiva, quando si tratta di un mercato affollato, il prodotto di qualità e i più alti livelli di servizio al cliente sono ciò che distingue i fornitori. Infine, forse, c'è qualcosa da prendere dal fatto che la mania del giocattolo più popolare dell'ultimo anno è stata uno scaccia stress, come conclude Michael Tipton. "I giocattoli ‘fidget’ (come i ‘Pop It’ sono classificati) continueranno a fare tendenza e a sorprenderci. C'è molta agitazione nel mondo e i giocattoli che aiutano le persone di tutte le età ad affrontare lo stress e l'ansia sono salutari e divertenti, quindi penso che le più grandi tendenze del 2022 saranno collegate in qualche modo ai fidget".

- - - - - 

Steven Carson è uno dei redattori di punta di InterGame, rivista mensile che copre l'industria dei giochi e dei divertimenti a gettoni internazionali.

Questo articolo è stato pubblicato sul numero di dicembre 2021 della rivista Gioconews.

Share