Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Amusement, sì a protocollo Adm-Coni per utilizzo a fini sportivi

  • Scritto da Redazione

Adm e Coni firmano Protocollo sull’utilizzo a fini sportivi degli apparecchi da intrattenimento senza vincita in denaro.

Via libera al Protocollo sull’utilizzo a fini sportivi degli apparecchi da intrattenimento senza vincita in denaro: a firmarlo nella giornata di oggi, 13 maggio, il direttore generale dell’Agenzia delle accise, dogane e monopoli, Marcello Minenna, e il presidente del Coni Giovanni Malagò.

Adm quindi detta le nuove regole tecniche ed amministrative per gli apparecchi senza vincita in denaro creando un quadro regolatorio certo per il settore amusement.

Lo scorso 30 aprile si è chiuso il primo step di un percorso che terminerà a fine anno e che ha portato, ad oggi, a censire oltre 70.000 apparecchi da intrattenimento, molti dei quali emersi avendo chiarito situazioni di incertezza normativa.

In questo quadro è fondamentale garantire agli atleti tesserati con le Federazioni sportive affiliate al Coni e appartenenti a Asd e Ssd iscritte al Registro delle società sportive di poter utilizzare liberamente apparecchi come biliardi, biliardini, freccette che per gli atleti costituiscono veri e propri campi di gioco.

 

Il direttore Minenna esprime grande soddisfazione per il Protocollo con il quale Adm e Coni intendono garantire lo sviluppo e la tutela di sport tradizionali e ancora molto diffusi nella realtà italiana: “L’Agenzia delle accise, dogane e monopoli ha da sempre una grande attenzione per lo sport e per il gioco di puro intrattenimento che spesso coincidono e si fondono, esprimendo valori e passioni a cui dare forza e per i quali la normativa non deve essere un ostacolo. Insieme al Coni abbiamo condiviso, che apparecchi da intrattenimento come biliardi, biliardini, freccette sono assimilabili ad attrezzature, strumenti o campi di gioco per la pratica dell’attività sportiva dilettantistica riconosciuta dalle rispettive Federazioni e devono essere sottratti, pertanto, alla regolamentazione di pubblica sicurezza di cui all’articolo 110, comma 7 del Tulps”.
 
“Ringrazio l’Agenzia delle accise, dogane e monopoli e il direttore Minenna – dichiara Malagò – per la sensibilità e l’attenzione mostrata nel promuovere la firma di questo protocollo che agevola l’attività delle associazioni sportive e delle società sportive dilettantistiche delle nostre Federazioni.
Il ‘gioco di squadra’ messo in campo da due Istituzioni come l’Agenzia e il Coni, non soltanto contribuisce a fare chiarezza sulla materia ma aiuta lo sport italiano nella pratica di discipline che appartengono alla nostra cultura e la cui attrezzatura è certificata dalle nostre Federazioni”.
 
Nel Protocollo siglato dalle due istituzioni sono stati individuati criteri di carattere soggettivo e oggettivo per la qualificazione degli apparecchi da intrattenimento quali attrezzature, strumenti o campi di gioco per la pratica dell’attività sportiva dilettantistica e per l’individuazione delle Ssd/Asd e degli atleti a cui tale regolamentazione si applica.
 
Il Protocollo è immediatamente efficace e sarà interamente attuato già dal prossimo 1° luglio.
 
Share