Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Imposta unica sui concorsi pronostici e scommesse: responsabilità solidale dell’esercente

  • Scritto da Redazione

L'imposta unica sui concorsi pronostici e sulle scommesse deve essere versata sia da chi gestisce le commesse per conto proprio sia da chi le gestisce per conto di terzi. È quanto si apprende dalla sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Sondrio.

 

"Per la CTP di Sondrio è dunque chiaro che la legge equipara, ai fini dell’assoggettabilità all’imposta unica, coloro i quali gestiscono le scommesse per conto proprio e coloro che invece lo fanno per conto di terzi. Di conseguenza, 'se si vuole attribuire un senso a tale equiparazione – afferma la sentenza n. 20/01/2014 -, si deve ritenere che soggetto passivo del tributo non è solo colui che assume in proprio il rischio della scommessa (e che dunque la gestisce in conto proprio), ma anche colui che, pur svolgendo tutte le attività tipiche del gestore (raccolta delle scommesse, raccolta delle somme puntate, pagamento dei premi), non assuma il suddetto rischio, agendo per conto di altri'", afferma Marco Minoccheri, consulente fiscale As.Tro.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.