Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

L'ordinanza della Cassazione su incassi residui apparecchi gioco e Iva

  • Scritto da Redazione

La Cassazione accoglie ricorso di Snaitech: Commissione tributaria della Lombardia ha errato nel non ritenere assoggettabili ad Iva gli 'incassi residui' degli apparecchi da gioco.

“La Commissione tributaria regionale ha errato nel non ritenere assoggettabili ad Iva le somme oggetto dell'atto giudiziario costituenti la differenza tra le giocate effettuate dagli utenti e le vincite pagate agli stessi”.

È il motivo di ricorso accolto dalla Corte di Cassazione e al centro della vicenda che vede opposta la società Snaitech all'Agenzia dell'entrate e l'impugnazione - da parte del concessionario - dell'avviso di liquidazione dell'imposta del registro, determinata, in via proporzionale, sulle somme che il Tribunale di Milano ha ingiunto di pagare ad un gestore in favore di Snaitech per il mancato versamento da parte del terzo incaricato delle differenza tra somme immesse con le giocate effettuate e gli importi erogati per le vincite dei giochi mediante apparecchi da divertimento ed intrattenimento.

Per leggere il testo integrale dell'ordinanza clicca qui. (Il contenuto è visibile solo agli utenti registrati. Per scaricarlo è necessario registrarsi al sito, è semplice e gratuito, per farlo puoi cliccare qui. O, in alternativa, si può accedere direttamente attraverso il proprio profilo Linkedin, Facebook, Twitter o Google).

 

Share