Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Lo studio del cervello per un trattamento più efficace del gioco patologico

  • Scritto da Redazione GiocoNews.it

Una nuova ricerca britannica sul problema del gioco patologico potrebbe aprire metodi di trattamento diversi e più efficaci.

 

Un nuovo approccio per contrastare la dipendenza da gioco. E’ quello che potrebbe scaturire da uno studio condotto dalla dottoressa Henrietta Bowden-Jones, direttore della National Problem Gambling Clinic alla Central and North West London NHS Foundation Trust, come anticipato nei giorni scorsi. Il lavoro scientifico, in particolare, sostiene che esistano alcune somiglianze significative tra coloro che soffrono di dipendenze da alcool e droga e quelli con un problema di gioco patologico e che questo potrebbe essere utilizzato per future strategie di trattamento. Secondo quanto dichiarato dalla ricercatrice al notiziario di TotallyGaming, ad oggi è noto che la condizione di “giocatore patologico” può avere una componente genetica e che i figli di persone con dipendenza da gioco sono a più alto rischio di uguale dipendenza essi stessi - ma ancora non conosciamo le esatte parti del cervello coinvolte in questi meccanismi. Questa ricerca individua pertanto le aree chiave del cervello e apre strade nuove e ulteriori per trattamenti mirati che impediscano le “voglie” di gioco e le possibili ricadute.

Bowden-Jones è una dei co-autori dello studio condotto da scienziati internazionali, inclusi i ricercatori dell'Imperial College di Londra, che hanno trovato che due aree del cervello, chiamate Insula e nucleo accumbens,risultano essere molto attive quando le persone con dipendenza da gioco assecondano le loro voglie. L'attività in queste aree, che si trovano in profondità e al centro del cervello, sono coinvolte nel processo decisionale, nel riconoscimento e controllo degli impulsi, ed è stata precedentemente legata alle voglie di droga e alcool.
 
I RISULTATI - La professoressa Anne Lingford-Hughes, co-autore del Dipartimento di Medicina presso l'Imperial, ha aggiunto un ulteriore contributo alla ricerca: "Sono state identificate connessioni deboli tra queste regioni anche nella tossicodipendenza. Il lobo frontale può aiutare a controllare l'impulsività, quindi un anello debole può contribuire affinché le persone non siano in grado di fermare il gioco d'azzardo e ignorando le conseguenze negative delle loro azioni. I collegamenti possono anche essere influenzati dallo stato d'animo - ed essere ulteriormente indeboliti dallo stress, che può essere il motivo per cui persone dipendenti dal gioco hanno delle ricadute durante periodi difficili nella loro vita".
Lingford-Hughes aggiunge che il monitoraggio dell'attività e le connessioni nell'Insula e nel nucleo accumbens nei dipendenti da gioco non solo possono aiutare i medici a valutare l'efficacia di un trattamento, ma possono anche aiutare a prevenire la ricaduta: un problema comune nella dipendenza.
 
LO STUDIO - Il finanziamento per lo studio in questione proviene dal Medical Research Council, anche se il lavoro descritto è parte di un programma molto più ampio che caratterizza la funzione del cervello nelle dipendenze più in generale. Il tema lavora sul presupposto che comprendere di più sulle funzioni cerebrali nella dipendenza contribuirà a informare la prevenzione e il trattamento.”Il cardine del trattamento – come sottolineato dagli scienziati - è la terapia psicologica come terapia cognitivo-comportamentale. Anche l'aggiunta di farmaci come bloccanti oppiacei (per esempio il naltrexone) può aiutare".

Ora i ricercatori stanno esplorando ulteriormente le risposte che stanno vedendo in quei soggetti con disturbi di gioco d'azzardo insieme ad altri dati di visualizzazione cerebrale, il sistema degli oppiacei nel cervello che elabora il riconoscimento e il piacere.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.