Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Entrate tributarie: in rialzo apparecchi a 1.674 milioni di euro

  • Scritto da Redazione

Il dipartimento delle Finanze pubblica l'analisi sulle entrate tributarie sul gioco: +9% rispetto al 2018, in rialzo invece gli apparecchi a 1.674 milioni di euro.

 

Nel primo trimestre 2019, le entrate totali tributarie erariali, accertate con il criterio della competenza giuridica, ammontano a 97.480 milioni di euro e comportano un incremento di 477 milioni rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (+0,5%).

In continua crescita le entrate relative ai “giochi” ammontano, nel primo trimestre 2019, a 3.940 milioni di euro (+221 milioni di euro, +5,9 percento). In particolare sempre in grande crescita l’incremento delle entrate degli Apparecchi e congegni di gioco (DL 269/2003 art.39,c.13) con un incremento di 138 milioni che in percentuale corrispondono ad un 9% in piu rispetto al primo trimestre 2018.
 
È quanto emerge dall’analisi pubblicata online dal dipartimento delle Finanze. Per quanto il provento del lotto: 1.920 milioni nel primo trimestre 2018; 2.020 milioni nel primo trimestre 2019; 100 milioni incremento 5,2 percento incremento in percentuale.
 
Per quanto riguarda i proventi delle attività di gioco: 65 milioni nel primo trimestre 2018; 61 milioni nel 1 trimestre 2019; -4 milioni decremento in milioni; -6,2 percento decremento in percentuale.
 
Per gli apparecchi e congegni di gioco (DL 269/2003 art.39,c.13): 1.536 milioni nel primo trimestre 2018; 1.674 milioni nel primo trimestre 2019; 138 milioni incremento in milioni; 9,0 percento incremento in percentuale.
 
Per quanto riguarda le altre imposte: le imposte dirette registrano un totale di 53.858 milioni di euro, con una diminuzione di 614 milioni (-1,1 percento) rispetto allo stesso periodo del 2018.
 
IMPOSTE INDIRETTE - Le imposte indirette ammontano a 43.622 milioni di euro, registrando una variazione positiva di 1.091 milioni (+2,6 percento). Il risultato, ovviamente, è legato all’andamento del gettito dell’Iva (+1.147 milioni, pari a +4,7 percento) e, in particolare, alla componente di prelievo sugli scambi interni, che registra un aumento di 1.259 milioni di euro, mentre decresce il prelievo sulle importazioni (-112 milioni di euro, pari a -3,2 percento).
 
ACCERTAMENTO E CONTROLLO - Le entrate derivanti dall’attività di accertamento e controllo ammontano a 2.076 milioni di euro (+107 milioni, pari a +5,4 percento), di cui 989 milioni (-72 milioni) provengono dalle imposte dirette e 1.087 milioni (+179 milioni) dalle indirette.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.