Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Leini (To): meno slot ma più giocate, l'appello del parroco sul gioco

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

Il parroco di Leini, in Piemonte, lancia un nuovo appello contro il gioco patologico: ma i dati rivelano aumenti nonostante le minori slot.

 

I leinicesi spendono in gioco d’azzardo più di 18 milioni di euro ogni anno: una cifra che si avvicina a quella del Bilancio comunale della cittadina piemontese. A dare l'allarme, stavolta, nei confronti del gioco patologico è il parroco don Pierantonio Garbiglia, durante la sua omelia, basandosi sui casi della Caritas e parlando di "dati di Leini sul gioco d’azzardo impressionanti", speigando come c’è chi, in media, spende anche 100 euro alla settimana.

Un tema sensibile, a livello locale, tenendo conto che proprio l’Amministrazione comunale di Leini, nel novembre 2016, aveva approvato un regolamento stringente per le sale da gioco. In perfetta sintonia con la legge regionale "anti-gioco". Un provvedimento sbadierato come uno tra i più rigidi in circolazione a livello nazionale. Nonostante ciò, stando agli ultimi dati ufficiali, come riportato dalla stampa locale, anche se le slot machine a Leini sono passate dalle 120 del 2016 a 98 del 2017, c’è stato comunque stato un incremento delle giocate che sono passate da 9,5 milioni nel 2015 a 10,29 milioni nel 2016 a 11,02 milioni di l’anno nel 2017. Segno evidente che nulla si crea e nulla si distrugge, neanche la propensione al gioco. 
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.