Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Raccolta illecita di scommesse: multe salate a Roma e Torino

  • Scritto da Redazione

A Roma e Torino scoperti esercizi che raccoglievano scommesse illecitamente, a Pescara percettori Rdc non dichiarano 400mila € di vincite e a Taranto la polizia sequestra 5 slot.

Non accenna a fermarsi la lunga scia di episodi di gioco illegale riscontrati da forze dell'ordine e Agenzia dogane e monopoli nel corso di una serie di controlli sul territorio per verificare il rispetto delle normative per il contenimento del Covid fissate tramite Dpcm.

Dopo i casi scoperti ad Ascoli Piceno, a Genova e a Cagliari, il Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e la tutela dei minori si è concentrato su Roma.


SCOMMESSE ILLEGALI, 50MILA EURO DI MULTE A ROMA - Qui, un'operazione coordinata dalla Prefettura, in collaborazione tra Adm, Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, ha passato al setaccio numerose attività economiche che, sulla base di analisi di rischio svolte e di informazioni in possesso dai compomenti del Copregi sono risultate svolgere illecite accettazioni di scommesse sportive.
In totale, nelle giornate del 12 e 13 febbraio, sono stati controllati 22 esercizi dislocati nell’intera area di Roma Capitale.
"L’azione ha permesso di accertare numerose e gravi violazioni delle vigenti norme di contrasto alla pandemia, che impongono la chiusura delle sale giochi e la sospensione della raccolta scommesse su rete fisica.
È stata disposta la sospensione dell’attività per cinque giorni nei riguardi di tre esercizi che effettuavano la raccolta delle scommesse in violazione delle misure di contenimento e sono state irrogate complessivamente 11 sanzioni amministrative per un importo complessivo superiore a 50mila euro.
Tre persone sono state infine deferite all’Autorità giudiziaria per esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse", si legge in una nota di Adm.
 

REDDITO DI CITTADINANZA E 400MILA EURO DI VINCITE NON DICHIARATE A PESCARA - Ancora un episodio illecito a Pescara, dove i finanzieri del comando provinciale hanno scoperto 24 soggetti che hanno indebitamente percepito il reddito di cittadinanza, per 275.000 euro complessivi, omettendo di dichiarare situazioni soggettive rilevanti ai fini della concessione del sostegno economico.
Nella dichiarazione sostitutiva unica necessaria per ottenere il beneficio sette di loro hanno omesso di evidenziare valori patrimoniali e reddituali determinanti come alcune vincite da giochi e scommesse superiori alla soglia di 6.000 euro, limite al raggiungimento del quale il vincitore al gioco è tenuto a comunicare all’Inps la vincita entro 15 giorni. Complessivamente le vincite conseguite e non dichiarate in sede di richiesta dai sette soggetti percettori di reddito di cittadinanza ammontano a circa 400mila euro, singolarmente oscillano dai 10mila agli oltre 100mila euro, come rilevato dai conti gioco dei singoli soggetti.
Tutte le posizioni illecite fatte emergere dai finanzieri sono state oggetto di denuncia alla Procura della Repubblica di Pescara per aver fornito dichiarazioni false e omesso informazioni dovute in sede di richiesta del reddito di cittadinanza e, contestualmente, all’Inps per la revoca e il recupero del beneficio economico in questione.
 
TARANTO, SEQUESTRATE SLOT NON CONFORMI - Invece a Taranto, in un circolo ricreativo del quartiere Paolo VI, peraltro sanzionato per la violazione sulle norme anti-Covid, con conseguente sospensione dell’attività, sono stati sequestrati 5 apparecchi di intrattenimento slot non conformi alla normativa vigente e non collegati alla rete dell'Agenzia dogane e monopoli.
 
TORINO, DUE DENUNCE PER SCOMMESSE NON AUTORIZZATE - Nel capoluogo piemontese Adm e le forze di polizia hanno avviato l’operazione “Backdoor” finalizzata alla repressione del gioco illegale e alla verifica dell'accettazione o meno di scommesse in centri di raccolta autorizzati (la cosiddetta intermediazione). Le squadre operative hanno sottoposto a controllo una ventina di attività economiche. Un’accurata analisi dei rischi ha consentito infatti di selezionare gli esercizi ad elevato rischio di illecita accettazione di scommesse sportive e di sottoporli a controllo. Sono due le persone denunciate all’Autorità giudiziaria per esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa in violazione dell’art. 4 della Legge 401/89 e sono stati sequestrati diversi promemoria di scommesse online oltre a 3 apparecchi telematici.
 
Le sanzioni irrogate superano i 30.000 euro.
 
 
 
 
Share