Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

'Diritti verso il futuro', Snaitech presenta il Bilancio di sostenibilità

  • Scritto da Redazione

Nell’anno della pandemia, nel suo Bilancio di sostenibilità Snaitech sceglie di porre l’accento sul tema del 'diritto di cittadinanza' delle aziende del gioco legale.

“Oltre ad essere una risorsa per l’Erario, il mercato del gioco regolamentato è fondamentale per garantire la tutela dei clienti e per arginare il gioco illegale, una piaga molto diffusa in Italia. Purtroppo con i punti gioco chiusi, in questi mesi la nostra filiera non ha potuto svolgere il suo ruolo di tutela della legalità e del consumatore. È incredibile e inspiegabile che, nonostante gli investimenti sostenuti per dotare i punti vendita di tutti i necessari dispositivi di sicurezza, i nostri negozi siano stati fermi così a lungo e siano tuttora chiusi nelle regioni in fascia gialla, dove la quasi totalità delle attività ha riaperto ormai da tempo”.

A ribadire il concetto, ancora una volta, è Fabio Schiavolin, amministratore delegato di Snaitech, che oggi, 15 giugno, ha pubblicato il proprio Bilancio di sostenibilità 2020.

 

Il documento è stato presentato nell’ambito della terza edizione della Snaitech sustainability week, un’intera settimana – dal 14 al 18 giugno – dedicata al dialogo e al confronto con tutti gli stakeholder aziendali e finalizzata a sviluppare una cultura della responsabilità sociale d’impresa che sia condivisa e sempre più radicata, tanto da entrare a far parte dell’identità aziendale. Coerentemente al tema individuato per il Bilancio di sostenibilità 2020, il claim scelto per la Snaitech sustainability week di quest’anno è “Diritti verso il futuro”.
 
Schiavolin quindi evidenzia: “Le prolungate chiusure hanno messo in grande difficoltà tutta la filiera, ma in particolare i gestori e i dipendenti dei punti gioco legale, molti dei quali purtroppo non riapriranno più. Ed è per questo che all’interno del Bilancio di sostenibilità 2020 abbiamo voluto porre l’accento sul ruolo e sull’importanza del gioco legale, rivendicando al contempo il diritto di cittadinanza di impresa, il diritto all’imprenditorialità e il diritto all’inclusione delle imprese e delle persone del settore”.
 
Temi di grandissima attualità alla luce dei circa 350 giorni di chiusura osservati dall’inizio della pandemia ad oggi dai punti gioco legale sul territorio. Chiusure che hanno messo a dura prova l’intera filiera del gioco legale con i suoi 150mila addetti, che sono costate all’Erario circa 10 miliardi di euro a causa del minor gettito fiscale e che, soprattutto, hanno causato un’esplosione dell’offerta di gioco illegale. Sia il Procuratore nazionale antimafia che Adm hanno stimato in circa 20 miliardi il giro d’affari del gioco illegale, mentre secondo Luiss Business School e Ipsos durante il lockdown l’aumento del mercato illegale potrebbe aver coinvolto fino a 4 milioni di giocatori italiani.
 
Il Bilancio di sostenibilità 2020 di Snaitech analizza i quattro grandi pilastri su cui poggia il diritto di cittadinanza delle aziende che operano nel settore: il mercato regolamentato; un valore per il sistema Paese; la cura delle persone e dell’ambiente; la cultura della sostenibilità e dello sport. Per ognuno di questi pilastri, il documento analizza le caratteristiche del gioco legale in Italia, per poi approfondire il ruolo e il contributo di Snaitech.
 
Snaitech ha sul territorio italiano una rete di 2.056 punti gioco scommesse, di cui 1.574 con concessione di gioco diretta, e un parco macchine installate composto da circa 38mila Awp e oltre 10mila Vlt (dati al 31 dicembre 2020). La chiusura dei punti gioco legali si è ripercossa sui conti dell’azienda, che ha chiuso il 2020 con ricavi a 523 milioni di euro, in calo del 37 percento rispetto agli 829,7 milioni di euro del 2019. Grazie agli ingenti investimenti tecnologici fatti negli scorsi anni, l’azienda ha però saputo cogliere l’incremento della domanda di gioco online, segmento nel quale ha registrato una crescita dei ricavi del 58 percento. Nel 2020 i siti del gruppo hanno registrato complessivamente oltre 80 milioni di accessi, mentre i conti gioco attivi sono stati 530.000, in crescita del 245 percento rispetto ai 154.000 del 2015.
 
Centrale all’interno del Bilancio è il legame dell’azienda con i propri dipendenti. Snaitech impiega 899 dipendenti diretti, il 48 percento dei quali donne, la cui quota è cresciuta rispetto al 45 percento di cinque anni fa. Il Gruppo offre soluzioni vantaggiose a sostegno della genitorialità, lo testimonia il fatto che il ricorso volontario al lavoro part-time sia quasi raddoppiato in pochi anni, passando dal 12 percento del 2015 al 21 percento di fine 2020. Fondamentale è anche il tema della formazione, nonostante l’emergenza sanitaria nel 2020 l’azienda ha infatti erogato complessivamente 11.351 ore di formazione.
 
All’interno del Bilancio di Sostenibilità, assume una particolare rilevanza la sezione dedicata ai rapporti con la comunità. Attraverso l'azione di iZilove Foundation, la Fondazione del Gruppo dedicata alla solidarietà e alla promozione della cultura e della ricerca scientifica, nel 2020 Snaitech ha supportato moltissime iniziative, tra cui Special Olympics, Fondazione Francesca Rava, Care&Share Italia, Fondazione Costruiamo il Futuro, Fondazione Renato Piatti Onlus, Amref Italia e Fondazione Telethon. Durante i primi, drammatici mesi dell’emergenza sanitaria in Italia, in cui era molto difficile reperire dispositivi di protezione individuale, iZilove Foundation è intervenuta con l’acquisto di mascherine Ffp2 per l’Ospedale Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo, tra le città più colpite dall’emergenza Covid-19.
 
Per chi volesse approfondire, il Bilancio di sostenibilità 2020 di Snaitech in versione integrale è disponibile per il download a questo indirizzo. 
 
Share