Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Easg, Whyte: 'Costi sociali del gioco, servono dati certi'

  • Scritto da Amr

Keith S. Whyte (Ncpg), relatore all'Easg di Malta, chiede che gli Stati Usa finanzino in maniera adeguata la ricerca sul gioco patologico.

 

Malta - Un modello a stelle e strisce che viene ritenuto carente, e uno sguardo attento e informato su quanto avviene in Europa in materia di contrasto al gioco patologico. Tra i relatori previsti all'Easg, in corso a Malta (con la media partnership di Gioco News), c'è anche Keith S. Whyte, direttore esecutivo del National Council on Problem Gambling (Ncpg) con sede a Washington, Dc, che analizza le disposizioni, in materia di divieto di pubblicità e sponsorizzazione di gioco, contenute nella legge entrata in vigore in Italia.

“Il divieto – osserva nell'intervista pubblicata sul numero di settembre della rivista Gioco News in vista della sua partecipazione a Easg, che poi non è stata possibile - non danneggerà i giocatori problematici, ma è anche improbabile che li aiuti davvero. In generale l'analogia che usiamo è con l'alcol. Un divieto o limite alla pubblicità di alcolici può ridurre il consumo dei bevitori occasionali, ma è improbabile che abbia un impatto sugli alcolizzati. Coloro che hanno una dipendenza dal gioco d'azzardo (o dall'alcol) sono motivati ​​da bisogni emotivi, predisposizione genetica e persino dipendenza fisica. Quindi un divieto di pubblicità può essere efficace nel dissuadere il gioco d'azzardo occasionale e ricreativo, ma è improbabile che possa lasciare il segno nei seri problemi di gioco, sebbene ciò possa ridurre il gioco illegale dei giovani e ridurre le ricadute tra i giocatori che hanno o stanno cercando di smettere”.
 

Lo studioso spiega inoltre, con riferimento alle politiche che invece vengono messe in campo negli Stati Uniti, specie alla luce della fine del divieto federale di scommesse sportive: “Sfortunatamente gli Stati Uniti non sono un buon modello per la politica di gioco responsabile. Ogni Stato stabilisce le proprie regole e la maggior parte sono inadeguate per minimizzare i danni causati dalla dipendenza dal gioco. Le migliori sono in stati come il Massachusetts che dedica il 2 percento delle entrate del gioco d'azzardo a programmi per la ricerca, la prevenzione e il trattamento della dipendenza da gioco d'azzardo”.
 

Nella lotta al fenomeno, secondo Whyte, “gli operatori hanno un ruolo molto importante da svolgere in quanto forniscono un prodotto che crea dipendenza ad alcuni dei loro clienti e hanno una grande quantità di informazioni sul loro comportamento, il che potrebbe essere utilizzato anche per fornire messaggi di gioco responsabile mirati e di impatto su misura per i loro utenti”.
 

In diversi Stati Usa i casinò e in generale il gioco online sono vietati. Questa proibizione ha consentito di sconfiggere sia il gioco illegale che lo sviluppo di forme di dipendenza patologica?
“Sembra che gli Stati con esteso gioco legalizzato abbiano tassi più elevati di problemi di Gap rispetto agli Stati con minori forme. Ma anche negli Stati con divieti totali sul gioco legalizzato c'è ancora il 2 percento circa di adulti che corrispondono ai criteri che identificano le persone con problemi di gioco in un dato anno. Ma la ricerca è carente nella maggior parte degli Stati, quindi è difficile essere sicuri”.
 
 
Negli Stati Uniti si trovano due delle principali capitali mondiali del gioco, Las Vegas e, in misura certamente minore, Atlantic City. Quanto forte è il problema del gioco patologico in queste due città e come viene affrontato?
“Ancora, molti Stati non finanziano ricerche sui tassi di gioco problematico, sia perché ignorano il problema o, in alcuni casi, in realtà non vogliono sapere quanto sia grande il problema in quanto potrebbero essere costretti a fornire maggiori finanziamenti per servizi. Questo è un approccio molto cinico da parte dei politici che amano contare le entrate fiscali e i posti di lavoro, ma odiano considerare i costi sociali spesso nascosti del gioco d'azzardo collegato alla dipendenza, della bancarotta e del crimine. Come si può riscontrare nel sommario di un nostro sondaggio del 2016 sui servizi di gioco d'azzardo problematico, il Nevada è al 13° posto su 50 Stati per i finanziamenti pubblici per i programmi di gioco d'azzardo problematico. Il New Jersey è 18° e spende 2,6 milioni di dollari in programmi di gioco d'azzardo problematico degli oltre 1,2 miliardi di dollari di entrate fiscali di gioco raccolte dallo Stato”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.