Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Antiriciclaggio nel gioco, via libera Ue alle misure della Fiau di Malta

  • Scritto da Redazione

La commissione Ue dà parere positivo alle misure previste dalla Financial Intelligence Analysis Unit di Malta per l'antiriciclaggio anche nel gioco.

Parere positivo della Commissione europea rispetto alle azioni compiute dalla Fiau - la Financial Intelligence Analysis Unit di Malta per l'adozione delle misure necessarie per conformarsi pienamente al diritto dell’Unione in materia di antiriciclaggio, incluso l'impegno di avvalersi di esperti internazionali per migliorare l'ente, le sue politiche, i processi e l'infrastruttura IT per supportare le sue capacità nella supervisione di Malta dei settori finanziari, di gioco e di altri comparti in continua crescita e dinamicità.

 

Questa decisione si basa sulle raccomandazioni precedentemente adottate dall'Autorità bancaria europea (Eba) e rappresenta un altro passo nel processo avviato nel 2017.
 
La Fiau, si legge in una nota diffusa dall'ente, “si compiace del fatto che la Commissione europea abbia riconosciuto i risultati positivi già raggiunti e i notevoli progressi compiuti fino ad oggi dalla Fiau. In effetti, la Fiau mantiene il suo assoluto impegno a cooperare pienamente con la Commissione e l'Eba poiché crede fermamente che l'effettiva attuazione del regolamento antiriciclaggio, sia fondamentale per affrontare le sfide che il crimine finanziario presenta. La Fiau si impegna a continuare a destinare risorse adeguate al fine di garantire la piena conformità al diritto dell'Unione”.
 
La Fiau sta lavorando costantemente per rafforzare l'efficacia delle sue attività di supervisione e rafforzare la supervisione dell'Aml a Malta. La Fiau ha già intrapreso una serie di misure come parte dei suoi sforzi per affrontare pienamente le preoccupazioni della Commissione Europea che sono delineate nel suo parere formale.
 
Il direttore della Fiau , Kenneth Farrugia, commenta: "La Fiau continua a impegnarsi a garantire che i settori finanziari di Malta rimangano protetti dalle crescenti minacce di riciclaggio di denaro e crimine finanziario. In quanto tale, la Fiau ha intrapreso importanti riforme nel suo approccio di vigilanza, incluso il miglioramento delle sue risorse e l'adozione di nuovi strumenti tecnologici, per renderlo più efficiente nelle sue funzioni di vigilanza. Ci impegniamo a continuare a lavorare in modo costruttivo con la Commissione europea e l'Eba per affrontare le nuove sfide che devono affrontare, non solo Malta ma l'intera Unione europea".
 
Numerose azioni sono già state intraprese nell'ambito di un piano d'azione globale che è stato comunicato all'Eba il 25 luglio 2018. La Fiau ha accolto favorevolmente l'opportunità di incontrare la Commissione il 18 ottobre 2018 durante il quale la riunione della Fiau ha fornito alla Commissione informazioni e prove a sostenere le ultime azioni intraprese.
 
La Fiau ha pubblicato, in ottobre, per la consultazione, una procedura di attuazione riveduta e rafforzata per riflettere gli emendamenti legislativi in ​​seguito al recepimento del quarto direttore antiriciclaggio (4Amlf) (direttiva (Ue) 2015/849). Queste procedure di attuazione aggiornate forniranno linee guida Aml / Cft più dettagliate e qualitative per assistere le entità obbligate ad aderire ai loro obblighi negli ambienti aziendali odierni. Inoltre, le procedure di attuazione evidenziano l'importanza dei soggetti obbligati che adottano un approccio basato sul rischio per attuare gli obblighi Aml / Cft Ciò supporta l'impegno della Fiau ad adottare un approccio basato sul rischio per la sua supervisione.
 
Il piano d'azione della Fiau affronta in modo esauriente le preoccupazioni della Commissione europea e dimostra il suo impegno a rafforzare i suoi processi di vigilanza al fine di migliorare e migliorare il suo approccio alla vigilanza basato sul rischio. Nell'ambito di tale piano d'azione, negli ultimi mesi sono state intraprese le seguenti misure: Avvio del processo per aumentare ulteriormente le risorse umane della sua sezione di conformità, compresa la fornitura di ulteriore e più formazione qualitativa per dotare meglio la sezione di supervisione dei vari settori; Emanazione di linee guida generali, settoriali e di attualità per assistere gli enti obbligati a rispettare il diritto interno; Miglioramento della metodologia di valutazione dei rischi e dei processi di raccolta dei dati, come lo sviluppo di questionari avanzati e dinamici per le entità obbligate; Revisione progressivamente il Manuale delle procedure di vigilanza per garantire che rifletta le norme delle autorità di vigilanza europee e le migliori prassi internazionali; Rafforzamento delle procedure di vigilanza interna che rafforzano la governance istituzionale, la metodologia e i processi decisionali, incluso l'uso efficace delle sanzioni e altre misure di vigilanza.
La Fiau risponderà pienamente alla Commissione Ue e all'Eba fornendo informazioni su tutte le azioni specifiche già attivate.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.