Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Uk, operatori scommesse: 'Sì a divieto pubblicità durante sport in tv'

  • Scritto da Redazione

I maggiori operatori di scommesse inglesi e la Remote Gambling Association verso il sì alla proposta laburista di vietare la pubblicità al gioco durante gli eventi di sport live.

Gli operatori delle scommesse del Regno Unito si schierano a favore del divieto di pubblicità al gioco in tv durante gli eventi sportivi in diretta, per tutelare i minori.

 

La notizia, riportata dal quotidiano inglese The Guardian, vede compatti Bet365, William Hill e Ladbrokes, e la prossima settimana le cinque principali associazioni del settore del gioco dovrebbero approvare la proposta, con l'obiettivo di attuare il divieto entro sei mesi.

Il divieto, che esclude le corse di cavalli, comporterebbe l'adeguamento dell'industria alle proposte dei laburisti.

Le proposte sulla pubblicità, riportate in anteprima dalla Bbc, sono state avanzate dalla Remote Gambling Association (Rga), che rappresenta le società di scommesse online.

 

Il vicepresidente laburista, Tom Watson, ha dichiarato: "Sono lieto che gli operatori abbiano adottato la proposta laburista di vietare fisicamente la pubblicità del gioco durante lo sport live. Con oltre 430mila giocatori problematici nel paese, molti dei quali bambini, il numero di annunci pubblicitari durante gli sport in diretta aveva chiaramente raggiunto livelli di crisi. C'era un chiaro sostegno pubblico a queste restrizioni e sono lieto che per una volta l'industria abbia preso sul serio le proprie responsabilità e ascoltato".
 
Diversi dirigenti nell'industria del gioco d'azzardo, compresi i capi di William Hill e Paddy Power Betfair, hanno affermato che sosterrebbero maggiori restrizioni alla pubblicità per proteggere i bambini.
 
Dal canto suo, l'amministratore delegato della Rga, Clive Hawkswood, si ritiene determinato a far approvare la misura dall'industria del gioco prima di dimettersi a gennaio. Richiede l'accordo del National Casino Forum, dell'Associazione dei Bookmaker britannici, dell'Associazione Bingo e del corpo di sala giochi Bacta, anche se la loro benedizione è probabilmente una formalità in quanto l'industria online è di gran lunga il più grande inserzionista Tv.
 
La Rga ha anche presentato altre proposte, ma si prevede che si fermerà prima di adottare la politica dichiarata dal Labour di vietare alle società di gioco la sponsorizzazione di magliette da calcio.
 
Particolarmente positivo rispetto alla notizia Matt Zarb-Cousin, portavoce del gruppo campagna Fairer Gambling: "Questa è una decisione che aspettiamo da lungo tempo, ma per essere veramente efficace dovrebbe includere anche il divieto di sponsorizzazione di magliette e campionati e di esibizioni a bordo campo".
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.