Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse su siti illegali, Chelsea e Liverpool rompono con 1xBet

  • Scritto da Redazione

Dopo il Tottenham anche Chelsea e Liverpool annullano partnership con 1xBet operatore russo di scommesse per pubblicità su siti illegali, la Gambling commission aveva minacciato multe milionarie.

Il “richiamo” della Gambling commission e soprattutto la minaccia di multe di milioni di sterline hanno avuto successo. Così, dopo il Tottenhamanche il Liverpool e il Chelsea hanno deciso di sospendere tutta la pubblicità per 1xBet, società russa privata della licenza per operare nel Regno Unito dopo che alcune indagini hanno rivelato il suo coinvolgimento in attività discutibili e pratiche pubblicitarie vietate ai sensi della normativa nazionale.

Le tre squadre erano legate dall'operatore russo in qualità di "partner di scommesse globale" dalla scorsa estate. 

Si dice che i due club siano "in discussione" con 1xBet, che sostiene di non sapere come il “loro marchio sia stato promosso su siti proibiti", avendo "temporaneamente sospeso la pubblicità nel Regno Unito", e di essere in procinto di richiedere la certificazione per operare sul mercato britannico.

 

Sulla scia delle accuse sulla condotta di 1xBet, la Commissione ha dichiarato a iGamingBusiness.com che qualsiasi ente sportivo che lavora con un operatore senza licenza potrebbe essere ritenuto colpevole di pubblicità di giochi illegali.
 
"Siamo del parere che il modo migliore per gli organismi sportivi di proteggersi da questo rischio sia quello di garantire che promuovano solo gli operatori del gioco autorizzati da noi", spiega un portavoce della Commissione. "A causa delle preoccupazioni relative a 1xBet, abbiamo scritto al Liverpool Fc, al Chelsea Fc e al Tottenham Hotspur Fc per ricordare loro che le organizzazioni impegnate nella sponsorizzazione e gli accordi pubblicitari associati, con un operatore senza licenza, possono essere perseguiti ai sensi della sezione 330 della legge per il reato di pubblicità del gioco illegale".
 
Questo fa sì che il sito di white label di 1xBet, con sede nel Regno Unito e rivolto verso il Paese, non sia in linea, secondo quanto evidenziato da un reportage giornalistico sulla sua condotta. Il Sunday Times ha affermato che l'operatore faceva pubblicità su siti web di streaming illegali e riportato l'offerta di quote su sport proibiti come il calcio giovanile.
 
Tuttavia, l'operatore ha descritto tutte le attività illegali come svolte da partner di terze parti e afferma che rimane impegnato ad operare nel Regno Unito.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.