Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Covid-19, Fdj: 'Francia, entrate dal gioco in calo per 192 milioni'

  • Scritto da Redazione

L'ex operatore statale Française des Jeux prevede un calo delle entrate di 192 milioni di euro e un calo degli utili di 77 milioni a causa degli effetti del Covid-19.

Con la chiusura pressoché totale delle attività di gioco per evitare la diffusione del Covid-19, i Governi nazionali si trovano a fare i conti anche con una drastica riduzione delle entrate derivanti dal settore, spesso fondamentali per assicurare le coperture finanziarie per altri provvedimenti.

Ne è un esempio la Francia, dove l'ex operatore francese di proprietà statale La Française des Jeux - privatizzato a novembre 2019 - ha diffuso alcune stime che prevedono un calo delle entrate di circa 192 milioni di euro e un calo degli utili di circa 77 milioni a causa delle misure restrittive varate per l'emergenza in atto.


Fdj ha dichiarato che la sua verticale della lotteria, che rappresenta l'80 percento delle entrate del gruppo, dovrebbe vedere una riduzione delle entrate fino a 72 milioni di euro, con il Paese in lock-down e tutti i negozi e i rivenditori non essenziali chiusi, con utili prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (Ebitda) in calo di 27 milioni prima delle nuove misure di riduzione dei costi.

In particolare, il gioco della lotteria Amigo, in cui gli schermi Tv nei bar e nei caffè mostrano una nuova serie di numeri vincenti ogni cinque minuti, è stato sospeso, il che dovrebbe costare a Fdj circa 17 milioni di entrate e ridurre l'Ebitda di circa 10 milioni.

Il calo dovuto alla mancanza di attività dei clienti in altri giochi a causa del distanziamento sociale dovrebbe determinare un ulteriore impatto mensile sui ricavi di circa 55 milioni e ridurre l'Ebitda di 17 milioni.
Il gruppo ha dichiarato che la lotteria online "continua ad avere buoni risultati", tuttavia.
 
 
Nelle scommesse sportive, che rappresentano il restante 20 percento delle entrate del gruppo, le entrate dovrebbero essere ridotte fino a 120 milioni e gli utili di 50 milioni, prima di qualsiasi mitigazione. Tuttavia, il gruppo ha sottolineato che alcune di queste perdite potrebbero essere recuperate se eventi sportivi importanti come Euro 2020 o gli Open di Francia si terranno in date successive.
 
 
"Oggi ci troviamo di fronte a una situazione eccezionale e senza precedenti che richiede la mobilitazione di tutti e peserà sulla nostra attività per un periodo indefinito", ha affermato Stéphane Pallez, presidente e amministratore delegato di Fdj.
"A tale proposito, il Gruppo si è organizzato molto rapidamente per affrontare questa crisi sanitaria senza precedenti in modo responsabile e limitare le conseguenze per i suoi dipendenti, clienti, rivenditori e azionisti, grazie alla sua resilienza, reattività e impegno di tutti".
Il pagamento del dividendo del gruppo - il primo come società quotata in borsa - è stato di 122 milioni di euro ed era originariamente previsto per il 30 giugno 2020, ma ora è stato rinviato.
 
L'operatore ha affermato che quasi l'80 percento dei punti vendita di Fdj rimangono aperti, poiché la maggior parte di questi è in tabaccheria e edicola, che non sono tenuti a chiudere. Inoltre, ha dichiarato di avere "liquidità sufficiente a breve termine per far fronte alla situazione".
 
Fdj ha aggiunto che donerà 200mila euro a Secours Populaire Français, un'organizzazione senza fini di lucro dedicata alla lotta alla povertà e alla discriminazione nella vita pubblica.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.