Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Francia, per Anj è tempo di bilanci: i risultati del primo anno di attività

  • Scritto da Redazione

Anj, l'Autorità nazionale per il gioco della Francia pubblica il suo primo rapporto di attività facendo il bilancio sui risultati raggiunti e i progetti in via di realizzazione.

Sono tanti i risultati raggiunti dall'Anj, l'Autorità nazionale per il gioco con vincita in denaro della Francia, nel suo primo anno di attività, "compiuto" a giugno.

Dodici mesi in cui l'Autorità ha posto le basi per l'elaborazione di una nuova disciplina del gioco nel Paese, sviluppando strumenti per supportare gli operatori nella loro compliance e per meglio informare e tutelare i giocatori.

Ecco una sintesi dei punti più importanti del primo rapporto di attività, consultabile integralmente a questo link. 


I FONDAMENTI DEL NUOVO REGOLAMENTO - Dalla sua istituzione, il 23 giugno 2020, il collegio dell'Anj si è riunito 17 volte e ha adottato 240 decisioni.
L'Anj si è subito attivata per rispondere all'urgenza di rinnovare i nulla osta di 10 operatori scaduti nel 2020 e per porre le basi istituzionali necessarie al suo funzionamento (adozione del regolamento interno, parere sulle commissioni consultive, rinnovo delle sanzioni commissione, ecc.).
Allo stesso tempo, l'Agenzia ha voluto collocare la propria azione in una prospettiva strategica di medio termine, al di là dei quattro obiettivi definiti dalla legge. Ha redatto il suo piano strategico 2021-2023, strutturato attorno a 5 assi strategici che pongono la tutela del giocatore al centro della sua azione normativa.
In questo primo anno di attività, l'Anj ha implementato i diversi nuovi strumenti previsti dalla legge Pacte e dall'ordinanza del 2 ottobre 2019: piani di azione per il gioco responsabile, programma di gioco, strategie promozionali, quadri di riferimento per le dipendenze e il riciclaggio, eccetera. Questa ingegneria istituzionale costituisce la base dell'azione di Anj e si traduce in regolari incontri di monitoraggio della conformità tra il regolatore e gli operatori.
Per rafforzare la tutela dei giocatori e consentire loro di continuare a praticare giochi ricreativi, l'Anj ha portato avanti diverse azioni: avvio di un servizio di divieto volontario di gioco dematerializzato con scadenze di registrazione ridotte, rafforzamento della mediazione, azioni di informazione e sensibilizzazione sui social network per giovani giocatori, e non solo.
 
IL PIANO D'AZIONE PER UN GIOCO RESPONSABILE - L'Anj ha annunciato il 21 luglio l'avvio di cinque progetti volti a contrastare gli abusi osservati durante gli Europei di calcio e a chiarire, o addirittura integrare, il quadro giuridico. Questi progetti dovrebbero essere completati entro la fine dell'anno.
In termini di pubblicità: l'Anj ha chiesto agli operatori una revisione intermedia dell'attuazione delle loro strategie promozionali approvate dal collegio dell'Anj nel gennaio 2021 e si riserva, dopo aver esaminato tali revisioni, la possibilità di avviare procedure sanzionatorie in caso di inosservanza.
L'Anj avvierà una consultazione delle parti interessate all'inizio dell'anno scolastico sul tema della pubblicità. Ciò consentirà poi di formulare raccomandazioni agli stakeholder e, se necessario, proporre nuovi strumenti di intervento.
È stata avviata una collaborazione con l'Arpp per tradurre le restrizioni normative in raccomandazioni concrete per gli operatori. L'obiettivo è quello di emanare entro fine anno linee guida precise e operative sulla pubblicità.
In termini di bonus commerciali (offerte di reclutamento e fedeltà): l'obiettivo è analizzare nel dettaglio le prassi del mercato francese ma anche quelle vigenti in altri Paesi europei. Tale studio consentirà di definire le condizioni per premi “ragionevoli”, in coerenza con il quadro di riferimento, e di valutare l'opportunità di rafforzare il presidio o il contenimento di tali offerte.
In termini di identificazione e supporto di giocatori compulsivi: il 21 settembre l'Anj organizzerà un seminario che riunirà diversi esperti scientifici in materia di dipendenza dal gioco al fine di concordare una definizione comune e solida di gioco eccessivo o patologico che fungerà da punto di riferimento per  tutti gli attori del settore del gioco. L'Anj ha riscontrato che questa definizione varia molto da un operatore all'altro, il che tende a indebolire la tutela dei giocatori.
Sono in corso i controlli a seguito di lamentele pervenute da giocatori problematici che sarebbero passati inosservati dagli operatori e che sarebbero stati incoraggiati a continuare a giocare attraverso la concessione di bonus commerciali.
In termini di limiti di scommessa: molti giocatori si lamentano regolarmente, soprattutto con il mediatore, che gli operatori stanno limitando le loro scommesse.
A seguito della decisione del Consiglio di Stato del 24 marzo che riconosce il giocatore quale consumatore, l'Anj ha avviato un'approfondita revisione delle condizioni generali d'uso proposte dagli operatori attraverso il prisma del codice del consumo.
Una delibera, che aggiorna la raccomandazione Arjel del 2017 e inquadra più strettamente i limiti di scommessa, sarà proposta ai membri del collegio Anj a settembre.
Una volta stabilita tale norma, l'Anj può decidere di effettuare azioni di controllo che potrebbero portare a penalizzare, se necessario, gli operatori che non rispettano tale norma.
In termini di informatori: come annunciato prima dell'inizio degli Europei di calcio, l'Anj ha sequestrato alle competenti autorità amministrative e giudiziarie le pratiche commerciali ingannevoli di alcuni tipster o siti di tipster che recentemente sono cresciuti fortemente.
 
Share