Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Valle Aosta, le associazioni a Comuni e Regione: 'Limitare il gioco'

  • Scritto da Fm

Legambiente, Arci, Libera, ValleVirtuosa, Aosta Iacta Est e Miripiglio chiedono ai Comuni di applicare regolamento-tipo del Celva e alla Regione di limitare il gioco alle sale dedicate.

 

“Ribadiamo la nostra richiesta di confinare l'azzardo in pochi spazi regolamentati. La salute pubblica, cioè di tutti, deve, infatti, venire prima del lucro di pochi. Le risorse economiche distratte dall'azzardo – nella nostra regione la spesa pro capite è di oltre 1300 euro all'anno – assieme a quelle impegnate per la cura dei malati, se destinate diversamente avrebbero una ricaduta positiva anche sul piano occupazionale.
Sosteniamo, quindi, le proposte di ridurre i tempi di applicazione della normativa vigente e di limitare ulteriormente gli spazi e le occasioni di azzardo. Siamo, inoltre, disponibili ad incontrare le istituzioni regionali per fornire il nostro contributo al confronto”.

 

Lo scrivono, in una nota congiunta, le associazioni Legambiente, Arci, Libera, ValleVirtuosa,Aosta Iacta Est e Miripiglio, che così manifestano il proprio sostegno alle ultime proposte di legge regionali in materia di contrasto al gioco patologico, discusse (ed approvate) nella seduta della commissione Servizi sociali oggi, 29 novembre.
 
“Mentre si discute – sottolineano le associazioni - si deve anche procedere con determinazione all'applicazione dell'attuale legge: chiediamo quindi ai Comuni di approvare rapidamente lo schema di regolamento su sale giochi e spazi per il gioco, meritoriamente adottato dal Celva il 5 ottobre.
Alla Regione chiediamo, invece, di sostenere i Comuni nelle attività di controllo, e di destinare, da subito, somme adeguate alla prevenzione e alla cura dei malati di Gap (gioco d’azzardo patologico).
 
LE PROPOSTE SUL TAVOLO – Il Consiglio regionale a breve sarà chiamato ad esprimersi su due proposte, che hanno ricevuto il sì del Consiglio permanente degli enti locali
Una, firmata dai gruppi consiliari Lega Vallée d'Aoste, Movimento 5 Stelle, Mouv', Impegno Civico e Alpe, è volta a modificare i termini per l'applicazione delle misure di prevenzione e di contrasto alla dipendenza dal gioco d'azzardo, di cui alla legge regionale n. 14/2015.
L'altra, depositata da consiglieri appartenenti alla minoranza e militanti nelle file di Uv e Uvp chiede il “divieto di apertura di spazi per il gioco d'azzardo sul territorio regionale”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.