Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Comune Palermo: 'Ippodromo, bando in arrivo a gennaio'

  • Scritto da Fm

Sembra destinata a sbloccarsi la vicenda dell'ippodromo La Favorita di Palermo, per il quale è in arrivo il bando di gestione per i privati.

Buone notizie in arrivo per l'ippodromo La Favorita di Palermo, ormai chiuso da un anno.

Nella seduta del consiglio comunale di ieri, 29 novembre, si è tornato a parlare dell'impianto nell'ambito dell'approvazione del Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni 2018, ed è stato confermato che “la stesura del bando è in fase avanzata" e potrebbe arrivare a gennaio 2019.

 

A confermarlo a Gioconews.it è anche il dirigente del settore Patrimonio. “La stesura del bando prevede una corposa parte tecnica la cui predisposizione è in avanzata fase di elaborazione. L'ippodromo è stato inserito nel Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni proprio al fine di consentirne l'affidamento a seguito di bando”.

 

“Speriamo che la riapertura si concretizzi al più presto”, commenta a Gioconews.it Mino Cusimano, rappresentante dei guidatori e allenatori della Sicilia.
“È stata confermata l'intenzione di valorizzare l'ippodromo, quindi al più presto dovrebbero pubblicare una manifestazione di interesse per darla in gestione ad un soggetto privato in possesso dei requisiti sia per il centro di allevamento che come impianto destinato alle corse. Credo che il comune abbia tutto l'interesse a fare in fretta. Ringraziamo il consigliere Russo che si è prodigato per ottenere la riapertura e darci questa opportunità”.
 
 
“Quanto appreso ci conforta, visto che si parlava di un bando in uscita già per settembre”, aggiunge Giuseppe Mangano,  ex dipendente dell'ippodromo di Palermo. “Da ex dipendente non posso che augurarmi che sia inclusa anche la clausola di salvaguardia, che comprende il reintegro di chi lavorava per l'impianto. Spero che sia finalmente la volta buona”.
 
Più critica la posizione di Maurizio Rosso, segretario generale della Slc Cgil Palermo. “Abbiamo già perso troppo tempo a riguardo, siamo in ritardo.
E mi domando: possibile che una città come Palermo possa fare a meno di un luogo come questo – 300mila metri quadrati nel bel mezzo del parco reale – che potrebbe essere un volàno per un rilancio economico, sociale, culturale.
L'ippodromo infatti non può essere solo un luogo di sport, ma va pensato come luogo di aggregazione, per manifestazioni inerenti il cibo, la moda, il cinema, la fotografia, collaborazioni con i teatri.
Perché il Comune non pensa in grande e continua a sottovalutare ciò che possiede? Abbiamo tante ricchezze e va capito come valorizzarle al meglio, con le persone giuste.
Per questo l'ippodromo va riaperto subito, non si possono disperdere le professionalità che sono cresciute al suo interno”.
 
 
LA VICENDA - L'ippodromo de La Favorita di Palermo è stato chiuso dopo l'emissione di un'interdittiva antimafia a carico della società di gestione dell'impianto, per sospette infiltrazioni criminali, che ha portato alla revoca della licenza di Pubblica sicurezza per tenere pubbliche manifestazioni ippiche e per la raccolta delle scommesse sulle corse dei cavalli all'interno dell'ippodromo, e l'ordinanza di rilascio della struttura emessa dal Comune di Palermo, con lo sgombero di quasi tutti i cavalli e la perdita di numerosi posti di lavoro.
Lo scorso agosto il Comune aveva inviato una nota al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e del turismo per informarlo dell'intenzione di “mantenere la destinazione dell'impianto de La Favorita ad uso ippodromo” e di essere “allo studio la possibilità di un affidamento temporaneo per la gestione dello stesso”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.