Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scommesse illecite, Cafiero de Raho: 'Politica tuteli imprese sane'

  • Scritto da Redazione

Il procuratore Antimafia Federico Cafiero de Raho commenta operazione su scommesse gestite da clan mafiosi e chiede tutele per imprese sane.

“La politica deve prestare attenzione alle infiltrazioni criminali, in questo settore ma non solo: l'economia degli imprenditori sani in questo modo viene danneggiata”.

Così il procuratore Antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero de Raho interviene sull'operazione internazionale di polizia coordinata dalla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, che ha impegnato Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri e Dia svelando un giro di scommesse online illecite e portando alla cattura di 68 esponenti della criminalità organizzata pugliese, calabrese e siciliana e nel sequestro di beni per 1 miliardo di euro in Italia e in numerosi Stati esteri.

 

“È stata un'indagine molto complessa portata avanti dalle Procure di Bari, Catania e Reggio Calabria in relazione al controllo e alla gestione di società di scommesse online. In questo caso le mafie hanno operato per la costituzione di società e per l'infiltrazione nel settore, che già da tempo presenta forti criticità. I diversi gruppi criminali sostengono e in parte gestiscono tali società; queste coprono canali di denaro che vanno da un luogo all'altro, anche all'estero: le scommesse diventano canali finanziari per movimentare denaro”.
 
 
Il procuratore quindi conclude: “Attraverso la cooperazione con Eurojust abbiamo collaborato con altri Paesi, tra cui Regno Unito, Paesi Bassi, Serbia e Svizzera. In questo tipo di indagini è sempre necessario guardare all'estero. Nel caso in questione sono stati aperti numerosissimi conti bancari aperti in Paesi esteri, dalla Gran Bretagna a Curacao”.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.