Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Generazione Z e ludopatia, Mollicone (Fdi) chiede campagne Rai

  • Scritto da Redazione

Mollicone chiede campagne tv anche per prevenire la ludopatia, il direttore Rai per il sociale Parapini in commissione parlamentare: 'Non solo spot, vera sensibilizzazione'.

 "Sappiamo che la cosiddetta generazione Z ha un approccio all’apprendimento che è quasi esclusivamente crossmediale e multimediale e anche su questo si dovrebbero sviluppare dei format specifici di formazione. Quanto alle campagne sui temi sensibili, crediamo sia importante e fondamentale promuovere, sempre in modo crossmediale e per arrivare al target giovanile, l’informazione e la sensibilizzazione sulle dipendenze patologiche da droghe, ludopatia e altri comportamenti oggetto di devianza, come il disagio e i comportamenti violenti (il bullismo, ma non solo) tra i giovani".

"Vorrei sapere se ci sono, al riguardo, dei programmi, dei progetti e delle produzioni in itinere o se si pensa di attivarli. Così il deputato di Fratelli d'Italia Federico Mollicone al direttore Rai per il sociale Giovanni Parapini in commissione parlamentare per l’indirizzo e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

Nel rispondere alle varie sollecitazioni dei commissari che hanno preso parte all'audizione di giovedì 12 novembre, Parapini ha detto: "L’alfabetizzazione, che riguarda l’adolescenza e va anche verso i genitori, oggi è forse al primo posto. Stiamo lavorando ogni giorno proprio con questo focus; dobbiamo recuperare il gap che abbiamo lasciato, che è pesante, quindi dobbiamo correre, perché siamo indietro, lo ammettiamo, ma abbiamo le capacità, le forze, le risorse e la volontà di recuperare velocemente il tempo che abbiamo in parte perduto".

"In ogni caso - ha aggiunto Parapini - possiamo dare molte risposte anche facendo un lavoro che non si concretizzi solo nella campagna e nello spot ma che preveda una sensibilizzazione complessiva dei direttori di reti e testate sull’etica e l’educazione civica. Noi pensiamo che ricominciando dall’educazione civica, dall’etica e dai valori identitari molte di quelle violenze che oggi i giovani perpetrano contro i loro coetanei possano essere pian piano placate".

È così che nell'ambito della commissione per la vigilanza Rai, la politica tocca temi recentemente affrontati dalla stessa politica con l'indagine parlamentare sulle dipendenze tra i giovani e le insidie della rete. Non secondario dunque che la Rai promuova un certo tipo di approccio educativo visto che per gran parte i prodotti vengono fruiti tramite il web.

A proposito di servizi media audiovisivi, la prevenzione della ludopatia è stata oggetto di discussione anche in I commissione (Affari costituzionali) della Camera, nell'ambito dell'esame del Dl 130/2020 per quanto attiene alla parte del contrasto all’utilizzo distorto del web.

Dichiarato inammissibile l'emendamento Iezzi, Bordonali, Fogliani, Inver- nizzi, Molteni, Stefani, Tonelli, Vinci, Ziello (Lega) col quale si chiedeva di aggiungere all'articolo 12: "I fornitori di servizi media audiovisivi si impegnano a ospitare nei propripalinsesti campagne di sensibilizzazione sui rischi della dipendenza dal gioco e del gioco illegale e in particolare a partecipare a campagne informative che non incidono sui limiti di affollamento pubblicitario, dedicate al tema della prevenzione dall’eccesso di dipendenza dal gioco".

Share