Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Riparto Fondo Gap, sancita intesa in Conferenza Stato-Regioni

  • Scritto da Redazione

Sancita intesa, in Conferenza Stato-Regioni, su schema di decreto ministero della Salute per la modifica al Dm 26 ottobre 2018 - Riparto del Fondo per il Gap 2018 e 2019.

Si è tornato a parlare di gioco e contrasto al Gap nell'ultima seduta della Conferenza Stato-Regioni, presieduta dal ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini.

La Conferenza delle Regioni, su richiesta della Conferenza Stato Regioni, ha dato parere favorevole ai sensi dell’articolo 1, comma 946, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, sullo schema di decreto del ministero della Salute recante modifica all’articolo 2, comma 4, del Dm 26 ottobre 2018 - Riparto del Fondo per il gioco d’azzardo patologico per gli anni 2018 e 2019.

Per conoscere il testo ora bisognerà aspettare il completamento dell'iter istruttorio. Il testo quindi verrà protocollato e inviato ai ministeri e agli altri soggetti competenti in materia per essere poi reso disponbile anche sul sito della Conferenza Stato-Regioni.

 

COSA PREVEDE L'ARTICOLO 2, COMMA 4 – Nel decreto del ministero della Salute, all'articolo 2, comma 4, si legge: “Le Regioni trasmettono, entro il 31 marzo 2020, al ministero della salute - Direzione generale della prevenzione sanitaria - una relazione tecnico-finanziaria, a cura dei referenti scientifici dei Piani stessi, sullo stato di attuazione delle attività previste nelle programmazioni di cui al comma 1. Il ministero della Salute - Direzione generale della prevenzione sanitaria, sentito l'Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d'azzardo e il fenomeno della dipendenza grave, entro i successivi sessanta giorni valuta la relazione di cui al presente comma e, in caso di verifica di avvenuta realizzazione di almeno il 50 percento delle attività progettuali e dell'avvenuta spesa di almeno il 50 percento delle risorse del Fondo relative all'anno 2018, provvede all'erogazione delle risorse del Fondo relative all'anno 2019, così come ripartite ai sensi dell'articolo 1”.
 
Share