Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Ippica, Comune Livorno: 'Cittadella dello sport futuro del Caprilli'

  • Scritto da Redazione

Scadono il 12 febbraio i termini della manifestazione di interessi per studio di fattibilità sulla Cittadella dello sport di Livorno, con rilancio dell'ippodromo Caprilli.

Si concluderà domani, 12 febbraio, la manifestazione di interessi promossa dal Comune di Livorno per individuare un team di consulenti che affiancheranno il Rup nella realizzazione di uno studio di fattibilità a supporto della realizzazione della Cittadella dello sport, per sviluppare - nelle intenzioni dell'amministrazione - l’area compresa tra lo stadio e l’ippodromo Caprilli, su cui sorgono nove impianti sportivi.

 

“Dopo oltre dieci anni passati a discutere del nulla, finalmente il percorso per la realizzazione della Cittadella dello sport è stato tracciato. Un team di consulenti realizzerà uno studio di fattibilità sulla base di un’analisi dell’impegno economico e finanziario necessario, gli imprenditori presenteranno i loro progetti e i cittadini, insieme all’amministrazione, avranno l’ultima e decisiva parola”, commenta il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, presentando l'iniziativa, volta a far diventare il polmone verde a pochi passi dal mare “il cuore dell’offerta sportiva e turistico ricettiva della Livorno del futuro”.

 

“Non c’è spazio per cattedrali nel deserto. È possibile pensare a una cittadella dello sport a Livorno solo ed esclusivamente se i progetti che la comporranno saranno economicamente sostenibili”, sottolinea Nogarin, che a gennaio aveva detto di non aver preso ancora nessuna decisione concreta in merito, dopo l'interpellanza presentata dal consigliere Marco Cannito.
 
Gli fa eco l’assessore allo Sport, Andrea Morini. “Questo è un piccolo piano Marshall per Livorno, sia per l’impiantistica che per l’economia cittadina. Non solo avremo la possibilità di dare un futuro al Caprilli e allo stadio comunale, anche alla luce degli interventi necessari a ridurre il rischio idraulico in quell’area, ma potremo provvedere alla valorizzazione di impianti come il Renato Martelli e il Pala Macchia”.
 

DIALOGO CON I CITTADINI - Il team vincitore della manifestazione di interessi avrà 60 giorni per: valutare il patrimonio impiantistico comunale, analizzare le potenzialità economiche di ogni impianto, definire i possibili lotti da mettere a gara, stabilire un percorso di partenariato pubblico-privato, rendere appetibile l’investimento.
Il risultato della prima tappa saranno degli studi di fattibilità, comprensivi di una stima dei costi di investimento sull’intera area. A quel punto l’amministrazione avvierà un dialogo competitivo per raccogliere i progetti che dovranno essere economicamente sostenibili.
L’ultimo passaggio di questa procedura interesserà direttamente la cittadinanza che sarà chiamata a valutare e ad esprimersi sui progetti esecutivi presentati, andando a decidere quale futuro vorranno per l’area della Cittadella dello Sport.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.