Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Coordinamento ippodromi: 'Mipaaf organizzi gli stati generali dell'ippica'

  • Scritto da Redazione

Il Coordinamento ippodromi chiede al ministro Bellanova di organizzare gli stati generali dell'ippica e plaude il lavoro svolto in Veneto dal governatore Luca Zaia.

Il ministro alle Politiche agricole Maria Teresa Bellanova organizzi per settembre "gli stati generali dell’ippica come peraltro ha fatto recentemente il ministro Dario Franceschini, che ha deciso di organizzare gli stati generali della musica”. Questa la richiesta che arriva al ministro, e al sottosegretario con delega all'ippica Giuseppe L'aAbbate, dal Coordinamento ippodromi, che in una lettera aperta ricorda che "da quando è stato chiuso l’Unire, ormai nel lontano 2012, non abbiamo più un Ente di riferimento e nemmeno una Governance o una Direzione ministeriale dedicata". E tra gli altri nodi da sciogliere, D'Alesio aggiunge "il fatto che ben 23 su 32 sono di proprietà comunale e che è necessaria una legge sugli ippodromi e una riforma complessiva del settore".

Il presidente del Coordinamento, Attilio D'Alesio, segnala inoltre che il Dm del 6 maggio sulle sovvenzioni ippodromi "non è ancora stato registrato dalla Corte dei Conti e che le società di corse, stanno lavorando senza contratto e senza aver percepito niente dall’inizio dell’anno".

 

D'Alesio si rivolge inoltre a un ex ministro alla Politiche agricole, oggi governatore della Regine Veneto, Luca Zaia. In un'altra nota, il presidente del Coordinamento ippodromi evidenzia che nell’ Ordinanza della Regione Veneto del 26.6. sono citati all’articolo 8 gli ippodromi con le seguenti disposizioni: “l’attività degli ippodromi è svolta nel rispetto delle linee di indirizzo adottate dal Mipaaf, per quanto riguarda la gestione degli animali, e nel rispetto delle linee di indirizzo di cui all’allegato n. 1 all’ordinanza n. 59 del 13.06.2020.per le altre attività svolte quali, esemplificativamente, spettacoli aperti al pubblico, ristorazione, sale scommesse.”

Questa, sottolinea D'Alesio, "è la prima ordinanza regionale che cita esplicitamente gli ippodromi e di questo ringraziamo e diamo merito al presidente della Regione Luca Zaia, del quale ancora ricordiamo, nonostante siano passati ben dodici anni, il grande e positivo lavoro che fece quando era ministro dell’Agricoltura. Un ministro sempre disponibile all’ascolto ed al confronto, che incontrammo molte volte, e che adottò il decreto 'Salva ippica', diventato poi legge, tuttora in vigore e grazie al quale l’ippica italiana riesce, pur con grandi difficoltà , a sopravvivere".

Share