Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Videolottery e nuove aperture: il Tar Lazio dichiara legittima limitazione nella provincia di Bolzano

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

trib uovaSe il Tar Lombardia aveva confortato il settore del gioco pubblico attraverso una decisione mirata a sovvertire le limitazioni imposte dai Comuni alle nuove aperture di sale da gioco, a remare in direzione opposta è ora il Tar del Lazio esprimendosi su un caso analogo ma relativo alla provincia autonoma di Bolzano. In particolare, i giudici della prima sezione del tribunale capitolino hanno respinto un ricorso presentato da Adria Gaming contro il diniego ricevuto in seguito alla richiesta di autorizzazione di Pubblica Sicurezza per l’apertura di una sala nel Comune di Lana, all'interno della Provincia Autonoma.

Scommesse e Ctd: Tar Lazio giudica Goldbet e Stanleybet affianca Aams

Vlt: domenica da jackpot sulla rete BetterSlot, vinti 96mila euro ad Acireale

Il Presidente della Provincia aveva rifiutato il rilascio della licenza e la posizione è stata confermata dal Tar, secondo cui la provincia non commetterebbe un ’eccesso di potere’ esercitando tale diniego applicando il regolamento provinciale.

In particolare, il Collegio ritiene "al sommario esame della controversia consentito nella fase cautelare, che non ricorrono nella fattispecie i presupposti utili per la concessione della richiesta misura cautelare, in quanto dagli elementi di valutazione acquisiti non emergono profili che inducono ad una ragionevole previsione sull’esito favorevole del ricorso, perché: tenuto anche conto di quanto stabilito dalla Corte costituzionale con sentenza n. 300 del 9.11.2011" e "l’Amministrazione risulta aver correttamente operato applicando l’art. 5-bis, comma 2-bis, della legge provinciale 13 maggio 1992, n, 13". Inoltre la parte ricorrente "non risulta aver impugnato la delibera della Giunta provinciale n. 341/2012" e, infine, "con parere del 15.2.2012 il Comune di Lana ha evidenziato anche la mancanza di licenza d’uso dei locali oggetto della richiesta di autorizzazione".

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.