Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

New slot: ricambio a rilento, sostituito il 30% del parco Awp

  • Scritto da Ac

Sono poco più di 70mila le new slot con payout al 68 percento introdotte sul mercato: incidono le norme regionali.

A poco più di tre mesi dall'entrata in vigore della Legge di Bilancio per il 2019 che, come  noto, ha concesso la possibilità di introdurre sul mercato apparecchi da intrattenimento con payout al 68 percento delle giocate in sostituzione di quelle al 70 percento, per far fronte all'incremento del Prelievo erariale, meno di un terzo del parco macchine attive sul territorio risulta essere di ultima generazione. In particolare, secondo quanto apprende GiocoNews.it da fonti ministeriali, ad oggi sarebbero poco più di 70mila le slot sostituite dagli operatori, pari a circa il 30 percento della rete nazionale. Nonostante la corsa compiuta dai produttori di apparecchi e, con loro, dagli organismi che si occupano delle verifiche tecniche di conformità necessarie per il conseguimento delle omologazioni, allo scopo di arrivare prima possibile a un prodotto finito da mettere in esercizio, supportati anche dalla procedure straordinaria attivata dall'amministrazione per snellire i tempi burocratici, gli sforzi della filiera di scontrano oggi con le criticità riscontrate su vari territori a causa delle norme locali imposte da alcune Regioni e attuate dai singoli comuni.

Così a controbilanciare i risultati virtuosi di alcuni operatori che hanno completato le operazioni di sostituzione con percentuali ben oltre il 50 percento del proprio parco macchine, ci sono altri che, a causa dei problemi normativi, sono ancora il palo, o procedono comunque a rilento.
 
INCERTEZZA SU FILIERA - A rendere più difficili le operazioni di sostituzione, inoltre, è il clima di totale incertezza che ruota attorno al comparto. Tra le varie disposizioni introdotte dal legislatore sul settore degli apparecchi, infatti, oltre all'aumento del Preu e alla riduzione del payout, c'è anche la prossima introduzione del lettore di tessera sanitaria (rispetto alla quale sono arrivate le prime osservazioni a Bruxelles) e, soprattutto, della futura generazione di apparecchi con tecnologia remota, che prometta una nuove e ulteriore sostituzione delle slot da qui a breve. Pregiudicando potenzialmente i tempi di ammortamento richiesti dall'acquisto e installazione di una nuova macchine. Non solo. La legge di Bilancio per il 2019 ha anche previsto che le autorizzazioni per gli attuali apparecchi da gioco Awp non possono più essere rilasciate “dopo il 31 dicembre 2019” e tali apparecchi devono essere dismessi entro il “31 dicembre 2020”. Pur avendo specificato, in altro comma della stessa legge, che l'adeguamento della percentuale di restituzione in vincita devono essere concluse entro 18 mesi dall'entrata in vigore della legge di bilancio 2019.
Per una specie di rebus normativo che gli addetti ai lavori si trovano oggi a dover risolvere, ferma restando la necessità di rimpiazzare la macchine con payout superiore a causa della forte riduzione dei margini. Una situazione resa ancora più complessa dall'attesa che si è creata attorno alle Awpr con il decreto di regole tecniche che doveva essere notificato alla Commissione Europea entro lo scorso marzo che non risulta ancora partito dal Ministero dell'Economia.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.