Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Caso Black Slot, avv. Bordoni: "La mia richiesta di incidente probatorio avrebbe evitato un processo di oltre 4 anni"

  • Scritto da Alessio Crisantemi

bordoni.jpg“La sentenza di Venezia è stata la logica conclusione di un processo che poteva essere evitato solo se nell’estate del 2008 il pm avesse inteso seguire il mio invito ad effettuare un incidente probatorio peritale sulle famose schede”. È quanto afferma l’avvocato Gabriele Bordoni, difensore dell’ente di certificazione Cermet e dei suoi quattro rappresentanti, coinvolti nel caso Black Slot. “Abbiamo impiegato da allora altri quattro anni e mezzo, ma alla fine tutto quello che avevamo segnalato sin dai riesami del 2007 è stato riconosciuto come fondato, anche se ciò non lenisce sino in fondo le ferite di chi per troppo tempo ha portato il fardello di accuse infamanti.

Caso Black Slot, Pucci (As.Tro): "Il più colossale danno nella storia del settore"

GUARDA IL VIDEO DELLA SENTENZA DEL CASO BLACK SLOT

Black slot: assoluzione per tutti gli imputati, nessun falso nella certificazione

Festa (Nazionale Elettronica): "Coi suoi tempi, ma la giustizia è arrivata"

Costa (Cermet): "Soddisfatti per la sentenza, ora attendiamo le motivazioni"

Avv. Negrini: "Ritiro black slot, danno da 2,5 miliardi per il settore"

Black slot: il Pm ribadisce, "Falsa certificazione in concorso tra ente e produttore"

Quattro professionisti ed un ente che vivono di credibilità ed affidabilità, indubbiati di essere falsificatori della realtà tecnica, non potevano immaginare niente di più intollerabile, sapendo che erano tutte accuse infondate.

Ma adesso è finita e ne sono comunque lieto ed il mio pensiero grato va ai Consulenti Maltoni e Maniezzo oltre che all’ing. Bartolini, per il supporto scientifico che hanno recato e che ha contribuito grandemente a sbaragliare le tesi avversarie; va anche a tutti quelli - fra i quali la vostra redazione - che hanno sempre guardato a Venezia con equilibrio e ponderazione, senza colpevolizzare anzitempo chi oggi può urlare a tutti e con fierezza che è stato assolto perché era innocente”, conclude.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.