Logo

Caso Bplus: oggi pomeriggio Francesco Corallo si è consegnato alle autorità

Colpo di scena nella giornata di oggi quando, nel pomeriggio, Francesco Corallo si è consegnato alle autorità giudiziarie appena giunto da Santo Domingo e atterrato a Fiumicino. A prelevare il re delle slot machine, titolare di Bplus Giocolegale ltd meglio conosciuta come Atlantis World, gli agenti della Polaria. Corallo era latitante dal maggio del 2012 accusato di corruzione.


Un giro d'affari da 30 miliardi di euro ogni anno, come ricorda Repubblica, e che ora dovrà rispondere alle autorità giudiziarie di quei 148 milioni di euro finanziati da Bpm e che portarono all'arresto di Massimo Ponzellini, ex presidente della banca, sempre nel maggio 2012 per i finanziamenti concessi alle società riconducibili a Corallo che sparì in Sudamerica.
La banca avrebbe prestato soldi alla Atlantis che, risalendo la catena di controllo, farebbe capo attraverso una società offshore delle Antille Olandesi a Francesco Corallo. I ricavi della Atlantis, attiva nei giochi d'azzardo e vincitrice di una gara d'appalto con l'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (Aams), finirebbero al di fuori dei confini nazionali, senza saperne la destinazione. Dubbi sarebbero emersi anche su un aumento di una fideiussione concessa ad Atlantis, in occasione della quale non sarebbero stati verificati i requisiti della società, primo fra tutti la necessità che la società per ottenere le concessioni sui giochi d'azzardo dalla Stato italiano non avesse sede in Paesi a fiscalità agevolata.

 

Nell'indagine sulla Bplus, durante una perquisizione, un computer venne sottratto dal parlamentare Amedeo Laboccetta, e poi restituito solo più tardi. Nei documenti sequestrati, si trovarono anche tracce di un conto off shore intestato a James Walfenzao, lo stesso fiduciario della società Printemps che acquistò la casa di Montecarlo in cui viveva Giancarlo Tulliani, cognato di Gianfranco Fini.

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.