Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Awp e nulla osta di esercizio: dal 30 aprile stop a procedura straordinaria

  • Scritto da Redazione

Dal 30 aprile 2016 in vigore la procedura ordinaria sui nulla osta per le slot machine in sostituzione delle norme provvisorie. Adm invia circolare a Uffici regionali e introduce meccanismo cronologico.

 

Entrerà in vigore dal prossimo 30 aprile - come anticipato da GiocoNews.it nei giorni scorsi - la procedura definitiva che discplinerà il rilascio dei nulla osta di esercizio delle new slot in sostituzione a quella straordinaria introdotta lo scorso gennaio dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a titolo provvisorio per agevolare il ricambio degli apparecchi con nuovo payout. Come noto, infatti, a decorrere dal primo gennaio 2016 è stato precluso il rilascio di nulla osta per gli apparecchi new slot. Una disposizione, prevista dalla legge di Stabilità 2016 che impedisce il rilascio di nulla osta di esercizio che non siano sostitutivi di analoghi Noe, fissando un 'tetto' pari al numero di Noe di apparecchi Awp in esercizio alla data del 31 dicembre 2015, oltre il quale è precluso il rilascio di ulteriori titoli autorizzatori. Che è pari a 418.210 unità e rappresenta il numero massimo di Noe per il 2016.

I Monopoli di Stato hanno inviato una circolare in cui si sottolinea che "in relazione alle tempistiche necessarie per completare la modifica delle applicazioni informatiche ad opera del partner tecnologico e agli esiti del monitoraggio sulla lavorazione delle istanze presentate nell'ambito della procedura straordinaria, la data a decorrere dalla quale la procedura entrerà in vigore è fissata al 30 aprile 2016. Entro la successiva decade verrà reso noto il numero di Noe che potrà essere rilasciato a ciascun concessionario".

COSA DICE LA NUOVA NORMA - Secondo quanto si legge ancora nella circolare che Gioconews.it ha potuto visionare in anteprima, al termine della procedura straordinaria, come già annunciato dalla stessa Agenzia, gli Uffici regionali gestiranno in ordine cronologico le richieste di emissione di Nulla osta di esercizio, "che presentino o meno identità di concessionario-proprietraio/gestore/possessore, anche qualora non siano state concluse in precedenza - sempre nell'ambito della sostituzione degli apparecchi complessivamente in esercizio al termine dell'anno 2015", secondo alcuni criteri specifici riportati nella stessa circolare. 
Prima di tutto la mancata consegna dei dispositivi di controllo, le cosiddette 'smart card', e dei titoli autorizzatori relativi a uno o piu' apparecchi dismessi nel termine indicato (ovvero, a 30 giorni dalla comunicazione) preclude il successivo rilascio di un corrispondente numero di Nulla osta di esercizio in favore del concessionario che ne abbia fatto richiesta, fino alla completa regolarizzazione della procedura di dismissione.
ULTIMI RILASCI ENTRO IL 30 MAGGIO - Per quanto riguarda le pratiche di dismissione presentate agli uffici dei Monopoli competenti a partire dal primo gennaio 2016 e fino al prossimo 28 aprile, se non accompagnate dalla contenstuale richiesta di rilancio di Nulla osta di esercizio sostitutivi, al fine di consentire l'applicazione della nuova circolare alle dismissioni già effettuata, i concessionari potranno richiedere il corrispondente rilascio di titoli autorizzatori, fino al numero massimo di dismissioni effettuate, entro e non oltre il 30 maggio 2016. A questo scopo, a partire dal 29 aprile 2016, l'Agenzia provvederà, attraverso Sogei, alla ricognizione e determinazione, per ogni concessionario, del numero di richieste di dismissione presentate nel suddetto periodo.
LA CREAZIONE DEL 'SERBATOIO' - Nei casi di revoca e decadenza dei Nulla osta di esercizio, il corrispondente numero di titoli autorizzatori sarà considerato disponibile per il rilascio a tutti i concessionari al ricorrere dei presupposti indicati nella disposizione, non potendo più essere considerati nella disponibilità del concessionario fino a quel momento titolare, in quanto, appunto, revocati (o decaduti). Per la creazione di quello che puo' essere consoderato un 'serbatoio virtuale' di cui GiocoNews.it aveva annunciato la definizione qualche mese fa. Da notare che vengono considerati decaduti - ai sensi della nroma di legge, tutti i Nulla osta che, dal primo gennaio 2016, per tutto il periodo considerato dalla disposizione stessa, sono rimasti nella posizione 'in magazzino', senza essere collocati 'in esercizio'. Ricadono quindi in questo ambito tutti gli apparecchi muniti di Nulla osta di esercizio rilasciati il 31 dicembre 2015 e fino al 31 marzo 2016 e rimasti in magazzino.
Per gli apparecchi revocati o decaduti non sarà quindi possibile chiedere la "dimissione con sostituzione" (nemmeno mediante la 'procedura straordinaria') da parte del concessionario già titolare del nulla osta. Fermo restando l'obbligo di presentare la procedura di dismissione degli aparecchi decaduti nel termine previsto dalla circolare del 2009, che a decorrere dal 1 aprile deve intendersi ridotto a 10 giorni.
CONTROLLI MIRATI SUI CONCESSIONARI - Non solo. "L'Agenzia - si legge ancora nella nota - effettuerà un attento monitoraggio delle operazioni di gestione dei Noe da parte dei concessionari, in particolare di quelle che riguardano un consistente numero di Noe, al fine di evitare l'elusione delle disposizioni volta a sottrarre alla disponibilità del mercato i Noe altrimenti destinati alla decadenza. A tale scopo saranno impartite agli uffici le necessarie istruzioni per l'effettuazione di specifiche campagne di controlli".  
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.