Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Orari sale slot a Treviso, La Sentinella: 'Formazione più utile di limitazione'

  • Scritto da Redazione

Il presidente de La Sentinella valuta positivamente l'orientamento del Comune di Treviso sugli orari delle sale slot allungati in caso di corsi di formazione.

In una nota, l'associazione La Sentinella giudica positivamente la posizione assunta nell'incontro tra l'assessore allo Sviluppo economico del Comune di Treviso, Paolo Camolei, e i rappresentanti dell'Associazione di categoria Sapar, per discutere della possibilità di vincolare il prolungamento dell'orario di esercizio delle sale dedicate al gioco ad un effettivo svolgimento di un corso di formazione per tutti gli operatori a contatto con il giocatore. “Abbiamo verificato – scrive il presidente Luigi Nevola - in questi anni che limitare l'orario d'esercizio, come avvenuto nel Comune di Bussolengo (VR), invece di limitare il numero di giocatori, altro non fa che spingerli verso le piattaforme illegali, i cosiddetti 'totem'. Ancor più degna di nota è la presa di posizione dell'assessore Camolei, particolarmente delicata in quanto, pur in contrasto con l'attuale normativa del Comune di Treviso, è quella condivisa dagli Amministratori che prima di legiferare si informano sui pro e contro di ogni azione che vanno a compiere. Risulta infatti più semplice limitare con una ordinanza, che sia relativa alle distanze oppure relativa agli orari, il gioco legale, che impegnarsi a fondo nello strutturare una informazione alle fasce più deboli della popolazione, una formazione a tutti gli operatori del gioco ed anche alle Forze dell'ordine che andranno a verificare il rispetto della complessa normativa nella materia del gioco. È questo che l'Assessore Camolei ha fatto: si è informato dei danni enormi che il proibizionismo crea nel momento in cui si vieta il gioco legale, così come è successo nella Provincia autonoma di Bolzano, dove a seguito della rimozione del gioco legale ha preso immediatamente piede l'illegalità, facendo addirittura triplicare il numero dei malati di gioco patologico, in due soli anni”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.