Logo

Awp: 'Il momento giusto per investire nella produzione in Regno Unito'

Il momento attuale potrebbe essere valido per gli italiani per vendere slot in Regno Unito, secondo l'esperto David Snook, giornalista di InterGame.

“Non c'è nulla che possa fermare gli italiani dall'entrare nel mercato britannico delle Awp”. Parola di David Snook, giornalista di InterGame e autentico veterano del settore dell'intrattenimento, che dopo aver fornito un interessante approfondimento sullo stato di salute del mercato degli apparecchi da intrattenimento in Gran Bretagna, proposto in italiano da GiocoNews.it, risponde alle nostre domande rispetto alla possibilità di fare business in terra britannica per i nostri produttori, tenendo conto dell'immissione di apparecchi 'in stile italiano' che sta prendendo il piede negli ultimi anni.

In passato, in effetti, ci sono stati vari tentativi da parte delle imprese italiane. Ma senza storie di successo. E ora? “Molti produttori esteri hanno cercato di entrare nel mercato britannico nel passato senza successo – spiega Snook - per lo più spagnoli, ma ora il business nel Regno Unito è molto più 'non britannico', visto che i produttori locali sono stati acquistati prevalentemente dal tedesco Gauselmann e dall'austriaca Novomatic”. Per questo potrebbe essere il momento giusto anche per gli italiani. “Non c'è nulla che possa fermare gli italiani dall'entrare nel mercato britannico delle Awp – conferma - ma avrebbero bisogno di creare un rapporto con un distributore inglese e avere designer inglesi che creino giochi su misura per il mercato, perchè ai britannici sembra piacciano solo giochi sviluppati appositamente per loro - ma suppongo questo sia vero per ogni paese”.
Snook analizza più a fondo la realtà del mercato britannico: “Se si prendono tutti i settori delle macchine da gioco del Regno unito, allora il mercato raggiunge le 171.000 macchine, includendo tutte le macchine di categoria C che vanno nei pub, nelle sale giochi e nei centri di gioco per adulti, le macchine che vanno nei negozi dei bookmaker, più le macchine di categoria superiore B2 e B3, che possono anche andare nelle sale giochi ma in piccolo numero; più le macchine 'penny' per le sale giochi al mare. Tra queste, c'è un grande mercato”.
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.