Logo

Luzi (Sapar): 'Gestori da baluardo della legalità a rischio scomparsa'

Il responsabile dell'associazione Sapar Marche, Ilario Luzi, denuncia i rischi per la filiera della nuove legge regionale.

Ancona – "Con l'attuazione delle legge regionale delle Marche sul gioco pubblico noi operatori del gioco rischiamo tra qualche anno di essere azzerati, come dimostra lo studio da noi commissionato ad alcuni architetti”. Con queste parole il presidente della delegazione Marche di Sapar, Ilario Luzi, interviene nella conferenza stampa organizzata dagli operatori del settore ad Ancona, incentrata sulla nuove legge regionale in fase di approvazione. “Le nostre aziende – prosegue Luzi - hanno fatto da barriera contro il gioco illegale e hanno portato occupazione sul territorio: parliamo di circa 40 aziende di gestione per 250 dipendenti in totale. Ci sono poi altre 9mila persone che operano nelle sale scommesse e bingo. Orari e distanze non sono strumenti adeguati per il contrasto al gioco patologico. Serve invece formazione dei cittadini come degli operatori. Bisogna prima conoscere il settore e questo è anche un appello alla politica”. 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.