Logo

Tar Venezia ribadisce sì a distanziometro: 'Anche se subentra nuovo soggetto'

Il Tar Venezia ribadisce la validità del distanziometro e ritiene che valga anche quando nei locali viene a operare un nuovo soggetto.

Con una sentenza, il Tar Venezia ha ancora una volta nel giro di pochi giorni respinto il ricorso presentato da un esercente, subentrato nell'esercizio dei giochi, che si era visto rimuovere gli effetti della Scia in riferimento all'installazione di otto slot, per contrasto al Regolamento edizio comunale del 2015, "essendo stato rilevato che il locale di proprietà del ricottente non rispetta le distanze minime previste" con particolare riguardo a particolari luoghi sensibili, come uffici pubblici e luoghi di culto. Secondo i giudici, l'articolo 30 che statuisce il distanziomentro "si applica anche alle ipotesi in cui, nel medesimo locale, operi a qualunque titolo un soggetto diverso da quello precedentemente autorizzato, come appunto si è verificato nel caso di specie".

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.